/ Economia e lavoro

Economia e lavoro | 29 dicembre 2022, 18:57

Turismo 2022, gli alberghi torinesi dimenticano la pandemia tra Eurovision, arte e sport. "Non scendiamo più da questo palcoscenico"

Risultati medi intorno al 65%. Borio (Federalberghi): “Bisogna continuare a lavorare in sinergia per rafforzare il brand Torino nel mondo”

pubblico di Eurovision

I dati del 2022 per gli alberghi torinesi restituiscono ottimismo dopo gli anni della pandemia

Due anni duri, pieni di incertezza. Ma ora finalmente si vede la luce: il 2022 per gli alberghi torinesi ha riportato tassi di occupazione delle camere simili al 2019, prima della pandemia.

Lo confermano i dati di Federalberghi Torino. Che ora accendono i riflettori sul 2023, nella speranza che la risalita possa proseguire. “Occorre continuare a lavorare in sinergia per rafforzare il brand Torino nel mondo”, è il messaggio del presidente Fabio Borio.

Un anno senza "bassi"

Il 2022 è iniziato con flussi che hanno pagato la guerra in Ucraina e dunque le difficoltà legate a una porzione importante di mondo. Una spinta è invece arrivata dai ponti primaverili, per poi trovare un passo spedito in appuntamenti che hanno acceso i riflettori mondiali sulla Mole: Eurovision Festival, del Salone del Libro, del Giro d’Italia, della finale di Champion’s League femminile e il summit dei ministri dell’Economia dell’area UE

Anche l'estate ha portato con sé alcuni elementi di promozione del territorio: dal Kappa Futur Festival ai concerti di musicisti internazionali e agosto è stato un mese con risultati in controtendenza rispetto a un passato (nemmeno troppo lontano) in cui la città-fabbrica si svuotava letteralmente.

Nuovo picco (di eventi) in autunno: Salone del Gusto a settembre e mese dell'arte contemporanea a novembre, quindi la conclusione di dicembre con gli appuntamenti per le Feste. Insomma: 365 giorni a buon livello, nonostante gli effetti dell'inflazione e i rincari delle bollette (che pesano e non poco sui conti delle strutture alberghiere).

Un palcoscenico da cui non scendere

"Il 2022 ha riportato Torino sul palcoscenico internazionale con alcuni grandi eventi e ha dimostrato che questa è ormai una città turistica a tutti gli effetti, capace di accogliere diversi tipi di turismo e stupire con la propria bellezza e la propria ricchezza culturale, artistica, enogastronomica – prosegue Borio – la carta vincente è stata sicuramente la capacità di far vivere la città insieme all’evento e offrire al turista un’esperienza che potesse andare al di là della manifestazione in sé. La sinergia tra la Città e la Regione, che hanno investito coraggiosamente sulla vocazione turistica, ha permesso per la prima volta di poter contare su una programmazione estesa su tutto l’anno e di destagionalizzare l’offerta".

Le speranze per il 2023 vanno a canestro

"Il 2023 inizierà sicuramente in maniera diversa rispetto a quest’anno perché sono cadute tutte le limitazioni ai viaggi e anche nei primi mesi immaginiamo di avere una situazione positiva grazie alla presenza di eventi come le Final Eight di basket – conclude il presidente di Federalberghi –: avere eventi in periodi di bassa stagione è un aspetto importante perché consente di stimolare i flussi verso la nostra città per tutto l’anno. Nell’anno che verrà sarà quindi fondamentale proseguire nel percorso intrapreso per rafforzare e consolidare il posizionamento del brand Torino nel mondo e continuare a lavorare al miglioramento dell’offerta turistica anche mediante l’individuazione di una governance".

Massimiliano Sciullo

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A FEBBRAIO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium