/ Eventi

Eventi | 28 gennaio 2024, 06:50

Cosa fare a Torino nel weekend: gli eventi fino a domenica 28 gennaio

Steve Mccurry arriva alle Gallerie d'Italia in attesa del Salone del Libro, mentre al Museo della Montagna apre la mostra su Primo Levi. Baglioni al Palaolimpico, Don Pasquale al Regio e "Saranno Famosi" all'Alfieri. Elio Germano approccia Dante, Pino Strabioli lo fa con Paolo Poli. A Venaria si ride con Giacomo Poretti

"Passage" in Galleria Subalpina

"Passage" in Galleria Subalpina

MOSTRE ED EVENTI

STEVE MCCURRY - ASPETTANDO IL SALONE 
Mercoledì 24 gennaio ore 18 
Maestro internazionale della fotografia contemporanea da oltre cinquant’anni, autore di scatti memorabili dalla grande potenza espressiva, capaci di documentare conflitti, culture, tradizioni e contraddizioni, mettendo spesso al centro la persona, come dimostra il celebre ritratto della ragazza afghana, Steve McCurry arriva a Torino per il ciclo Aspettando il Salone, con il nuovo volume fotografico Devotion. Amore e spiritualità, edito da Mondadori Electa. Steve McCurry, in dialogo con il giornalista e scrittore Maurizio Crosetti, incontrerà il pubblico mercoledì 24 gennaio 2024 alle ore 18 alle Gallerie d’Italia di Intesa Sanpaolo a Torino (Piazza San Carlo 156). McCurry racconterà il progetto fotografico Devotion, che attraverso oltre 100 immagini (di cui 75 inedite) indaga sulle declinazioni che la devozione assume in diverse aree del mondo: l’amore, la passione, la dedizione all’altro, la lealtà, il sacrificio, l’impegno. Attraverso i ritratti di monaci buddisti, artigiani, bambini intenti a studiare, madri dedite ad assistere i figli, anziani che si supportano a vicenda o di un padre accanto al figlio sdraiato nel letto di un ospedale, McCurry offre al lettore una riflessione intima su come ogni individuo possa dedicare tutto se stesso agli altri o alla fede religiosa.
INFO:  salonelibro.it – comunicazione@salonelibro.it


GABRIEL GARKO E GINO SALADINI - IL GIARDINO DEL TIGLIO
Venerd' 26 gennaio ore 17.30 e 19.30 
Doppia presentazione del romanzo “Il Giardino del Tiglio” di Gino Saladini e Gabriel Garko, pubblicato da Baldini + Castoldi. L'evento avrà luogo a Torino venerdì 26 gennaio, con due sessioni programmate alle 17:30 e alle 19:30. Il primo incontro si terrà presso la prestigiosa libreria Bardotto in via Principe Amedeo 33F, alle ore 17:30, grazie alla collaborazione dei librai Deborah e Ruben Tagliacozzo. Gli autori saranno presenti per incontrare i lettori e condividere con loro il processo creativo che ha portato alla creazione di questo libro. La presentazione sarà curata da Athena Barbera. A seguire, alle ore 19:30, gli autori si sposteranno presso Il Salotto Tanfoglio per una serata esclusiva a porte chiuse, promettendo un'esperienza ricca di emozioni. La presentazione sarà affidata a Michela Tanfoglio, che guiderà il pubblico attraverso il viaggio emozionale e letterario proposto dagli autori.
INFOsalottotanfoglio@gmail.com 

LE OSSA DELLA TERRA 
Dal 26 gennaio fino al 13 ottobre 
Dal 26 gennaio 2024 il Museo Nazionale della Montagna di Torino invita a scoprire il legame di Primo Levi con le terre alte attraverso la mostra Le ossa della terra, un progetto ideato e prodotto dal Museo, sviluppato in collaborazione con il Centro Internazionale di Studi “Primo Levi” di Torino e curato da Guido Vaglio con Roberta Mori. Un percorso espositivo articolato attorno alle parole di Levi, ma anche a fotografie storiche, oggetti, documenti, volumi ed estratti video provenienti da archivi pubblici e privati, oltre che dai familiari dello scrittore e dal Museo. Una mostra per scoprire il legame poco conosciuto di Primo Levi con la montagna, nato negli anni dell’adolescenza e tragicamente legato al destino dello scrittore.
INFOhttps://www.museomontagna.org/ 


I GIOVEDI IN CAMERA 
Giovedì 25 gennaio ore 18.30 
L’amicizia con Robert Capa, il rifiuto di Life, la grande consacrazione al MoMA di New York. Giovedì 25 gennaio, alle 18.30, incontriamo Walter Guadagnini, direttore artistico di CAMERA e storico della fotografia, per scoprire gli episodi, i rapporti umani e il clima culturale che hanno segnato la seconda fase della vita e della carriera di André Kertész.
INFO: https://camera.to/?gclid=Cj0KCQiAwbitBhDIARIsABfFYIJ2oHisUStTiIt9obZvPGfZ4-6i8L0hTxajOu_fLFN3g_OfbiAjKlgaAmZAEALw_wcB 

DRAG QUEEN WEEKEND 
Sabato 27 e domenica 28 gennaio ore 21
Il Cap10100 si prepara ad un weekend Drag, all'insegna del divertimento, della musica e dello spettacolo. Si inizia sabato 27 gennaio, alle 21.00, con la finale del concorso nazionale “Dragantis” – promosso da Ciao Drag Queen – che vedrà sfidarsi oltre 30 drag queen provenienti da tutta Italia per aggiudicarsi il titolo di vincitore assoluto. Da Londra arriverà anche Sissy Lea, partecipante di Drag Race Italia 3. Domenica 28 gennaio toccherà al duo di drag queen KARMA B, che tornerà ad esibirsi con il nuovo spettacolo “MaschiE…Quello che gli uomini non dicono”. Un frizzante e unico intrattenimento sul tema della maschiologia tra musica, stand up comedy e look da capogiro.  
INFOhttps://www.cap10100.com/eventi 

ORE TORINO-MILANO 
Giovedì 25 gennaio ore 15 
Palazzo Madama – Museo Civico d’Arte Antica propone, in collaborazione con il Dipartimento di Studi Storici dell’Università degli Studi di Torino, giovedì 25 gennaio alle ore 15, un pomeriggio dedicato ai capolavori della miniatura fiamminga del museo. Dal 2020 il Museo Civico sta lavorando, in collaborazione con l’Università di Torino, alla schedatura, campagna fotografica e studio della propria collezione di codici miniati e miniature ritagliate. La conferenza apre una finestra sul mondo fiammingo, le cui opere – caratterizzate da una descrizione lenticolare della realtà -  tanto influirono sulla produzione figurativa tra Piemonte e Savoia nel XV e XVI secolo.
INFOhttps://www.palazzomadamatorino.it/it/  

MONDOVISIONI 
Dal 16 al 30 gennaio 
Il Museo Nazionale del Cinema e l’Associazione Find The Cure Italia portano a Torino dal 16 al 30 gennaio la rassegna Mondovisioni, organizzata da CineAgenzia insieme al settimanale «Internazionale», che presenta da oltre dieci anni i più appassionanti e urgenti documentari su attualità, diritti umani e informazione, selezionati dai maggiori festival e proposti in esclusiva per l’Italia. Dopo il debutto al festival Internazionale a Ferrara, la rassegna sta circuitando nelle sale di tutta Italia. Parte dell’incasso sarà devoluto ai progetti di Find The Cure in Africa e India. I primi due appuntamenti di gennaio prevedono: Praying for Armageddon di Tonje Hessen Schei e Total Trust di Jialing Zhang.
INFO: www.findthecure.it www.museocinema.it

LEGENDS: STORIE, MITI E LEGGENDE DEL CANAVESE 
Fino al 27 gennaio
Dopo aver inaugurato a Chivasso, la mostra fotografica “Legends: storie, miti e leggende del Canavese”, approda a Torino presso una prestigiosa location: la Biblioteca Civica di Villa Amoretti. La mostra sarà aperta negli orari di apertura della biblioteca e prevederà presentazioni di libri in tema, che verranno comunicati di volta in volta. Saranno esposte 10 differenti fotografie, una per ogni luogo canavesano interessato dalla presenza di una storia, mito o leggenda. La collezione fotografica è stata realizzata da Sergio Bertani, con la curatela di Sabrina Sottile. 
INFOwww.legends2023.it

FABIO MAURI. ESPERIMENTI NELLA VERIFICA DEL MALE
Fino al 24 marzo 
In occasione della donazione al Castello di Rivoli Museo d’Arte Contemporanea della grande installazione I numeri malefici, 1978, realizzata da Fabio Mauri (Roma, 1926–2009) per la XXXVIII Biennale di Venezia, il Museo presenta fino al 24 marzo la mostra Fabio Mauri. Esperimenti nella verifica del Male.Artista e intellettuale, Fabio Mauri nasce a Roma nel 1926 e inizia a pubblicare i suoi primi disegni e articoli quando aveva solo sedici anni sulla rivista “Il Setaccio” che aveva fondato insieme a Pier Paolo Pasolini a Bologna nel 1942. Ben presto il secondo conflitto mondiale investe violentemente la vita di Mauri: un trauma che lo porta successivamente a creare forme d’arte che attraversano la performance, l’installazione, il disegno, la scrittura, il tutto riferendosi alla pittura come simbolo dell’arte in generale.
INFOwww.castellodirivoli.org

CARLO MOLLINO
Fino al 28 gennaio 
A settant’anni dall’ingresso al Politecnico di Carlo Mollino nelle vesti di docente, a cinquant’anni dalla sua morte e dal conseguente trasferimento presso la Facoltà di Architettura del suo preziosissimo archivio, l’Ateneo celebra il rappresentate della cultura architettonica torinese nel mondo. Lo fa attraverso una mostra allestita all’Archivio di Stato e un ciclo di conferenze che si concluderanno il 19 gennaio. Esposti disegni, fotografie e scritti per far conoscere e comprendere al pubblico il valore di una personalità eccezionale, politecnica per ampiezza di vedute e ricchezza di contenuti.
INFOwww.polito.it/impatto-sociale/cultura/mostre/mollino-politecnico

ANTONIO CAMPI A TORRE PALLAVICINA 
Fino al 10 marzo 
Nella sala del Tardo Manierismo internazionale della Galleria Sabauda dal 7 dicembre al 10 marzo 2024, i Musei Reali di Torino ospitano l’esposizione Antonio Campi a Torre Pallavicina, che riunisce le tavole superstiti di un ampio ciclo dipinto dal grande manierista cremonese negli anni Settanta del Cinquecento. Seconda tappa della mostra dossier, aperta dal 19 settembre al 3 dicembre 2023 al Museo Diocesano di Cremona, l'iniziativa mette in luce l’attività del pittore per l’Oratorio di Santa Lucia a Torre Pallavicina, comune nella diocesi di Cremona, oggi in provincia di Bergamo, e presenta quello che rimane di una grande ancona a tema cristologico della quale facevano parte i due pannelli con l’Andata al Calvario e la Resurrezione, appartenenti alle collezioni della Galleria Sabauda,  e le due tavole con l’Orazione nell’orto e Cristo davanti a Caifa della Galleria Canesso, che ne ha gentilmente concesso il prestito.
INFO: museireali.beniculturali.it 

BOOKLAB CIRCOLO DEI LETTORI 
Venerdì 26 gennaio ore 18.30 
Si terrà nella prestigiosa cornice del Circolo dei lettori di Torino la terza edizione di BookLab, la rassegna di incontri dedicata ai libri del Premio Strega Europeo organizzata anche quest’anno dall’APS Dynamis – Il luogo del pensiero con il patrocinio della Fondazione Bellonci e del Salone Internazionale del Libro. Il progetto è promosso in collaborazione con la Fondazione Circolo dei lettori e con le Biblioteche civiche torinesi, con il contributo di Fondazione CRT. Nella rassegna di cinque appuntamenti interverranno gli editori e i traduttori dei libri finalisti del Premio Strega Europeo 2023, affiancati da scrittori e scrittrici che offriranno al pubblico una propria interpretazione del romanzo protagonista della serata. Si inizia venerdì 26 gennaio alle 18.30 con L’orecchio di Kiev di Andrei Kurkov, pubblicato da Marsilio Editori. Intervengono Claudia Zonghetti, traduttrice del romanzo, e Francesca Varotto, editor di Marsilio.
INFOwww.circololettori.it 

 

EDOARDO SANGUINETI 
Fino al 30 aprile 
Alle Sezioni Riunite dell’Archivio di Stato di Torino si svolge la mostra Edoardo Sanguineti nella città “cruciverba”.  L’esposizione attingerà principalmente ai fondi del Centro Studi Interuniversitario Edoardo Sanguineti, con i quali interagiranno alcune schede lessicografiche selezionate provenienti dal Fondo esempi letterari (scarti e giunte) del Grande Dizionario della Lingua Italiana, al quale Sanguineti partecipò, grazie alla fondamentale mediazione dell’amico Tullio De Mauro, in veste di direttore dei Supplementi. Sarà possibile ammirare per la prima volta due recentissimi ritrovamenti, che risalgono agli albori della carriera del Sanguineti poeta: il manoscritto di Composizione, la raccolta sottoposta nel febbraio 1950 a Cesare Pavese, che la rifiutò, due redazioni di Laszo Varga e il manoscritto finale di Laborintus, la fondamentale opera d’esordio di Sanguineti, nella redazione in cui il titolo era ancora Laberintus.
INFOwww.centrosanguineti.unito.it/it 

TIME SQUARE
Fino al 31 marzo
“Time Square. L’arte in piazza trascende il tempo”. Ha un titolo che cattura subito l’attenzione la nuova mostra ideata da Alessandro Bulgini. L'esposizione mette in dialogo sedici opere d'arte del passato con altrettante insegne pubblicitarie odierne, lungo sedici stanze della villa ottocentesca di corso Giovanni Lanza, stanze che diventano metafisiche piazze per un confronto fra tempo, arte e vita.
INFOFlashback Habitat, www.flashback.to.it 

GIULIA E TANCREDI FALLETTI DI BAROLO COLLEZIONISTI
Fino al 7 aprile
In occasione del bicentenario del Distretto Sociale Barolo, i Musei Reali presentano una mostra dossier che per la prima volta permette di ricomporre l'originaria raccolta dei marchesi Giulia Colbert e Carlo Tancredi Falletti di Barolo, mettendo in luce il loro duplice ruolo di committenti e collezionisti. Una significativa selezione delle 45 opere d'arte antica donate con lascito testamentario alla Galleria Sabauda nel 1864 dialogherà con altri dipinti e sculture.
INFOmuseireali.beniculturali.it

LA PRIMA MONNA LISA
Fino al 26 maggio 
Si tratta de La Monna Lisa di Isleworth, un'opera che secondo gli esperti il Maestro di Vinci dipinse prima della sua gemella conservata al Louvre. Isleworth è la città inglese in cui visse il mercante che l'acquistò nel 1914 da un collezionista privato inglese. La "prima Monna Lisa" era stata per la prima volta presentata nel 2012 dopo essere stata sottoposta a oltre trentacinque anni di studi.
INFOmostraprimamonnalisa.com

HAYEZ. L'OFFICINA DEL PITTORE
Fino al 1° aprile
Non c’è Il Bacio, ma la mostra “Hayez. Officina del pittore romantico”, ospita alcune importanti opere, tra cui La Meditazione, Il consiglio alla vendetta e Accusa Segreta, insieme a molti quadri e disegni inseriti del pittore veneziano. Dieci sezioni per 100 opere allestite in un percorso cronologico, raccontano il lavoro di Francesco Hayez, autore simbolo del passaggio tra lo stile neoclassico a quello romantico. Dalle prime esperienze tra Venezia e Roma, sotto l’influenza dell’opera di Tiziano, fino a quelle come "pittore civile".
INFO: www.gamtorino.it/it

MICHELANGELO PISTOLETTO
Fino al 25 febbraio 
Il Castello di Rivoli presenta una grande mostra dedicata a Pistoletto (Biella, 1933) in occasione del suo novantesimo compleanno. Il progetto dell’artista "Molti di uno" reinventa l’architettura ortogonale della Manica Lunga trasformandola in uno stupefacente groviglio armonioso, un dispositivo urbano irregolare e libero attraverso il quale raccogliere e rileggere tutta la sua arte in un gigantesco autoritratto che funziona come la mappa di una Città ideale dell’avvenire.
INFOwww.castellodirivoli.org/mostra/michelangelo-pistoletto

THROUGH THE PALESTINIAN MUSEUM OF NATURAL HISTORY AND HUMANKIND
Fino al 28 gennaio
La Palestina è il punto di partenza del lavoro di Khalil Rabah, in mostra alla Fondazione Merz. L’artista nato a Gerusalemme nel 1961, vive e lavora a Ramallah, Cisgiordania. La sua presenza a Torino è stata in forse fino all’ultimo a causa dello scoppio della guerra israelo-palestinese. Il suo progetto era partito vent’anni fa, nel 2003. Si tratta di un'opera itinerante, in costante divenire, che si arricchisce di anno in anno e che si riferisce alla Palestina, non solo come luogo, ma anche come richiamo alla terra, come mezzo narrativo per evolvere il sapere. Un vero e proprio museo nomade con dipartimenti come geologia, botanica e paleontologia.
INFOwww.fondazionemerz.org 

 

IL MONDO DI TIM BURTON 
Fino al 7 aprile
La mostra dedicata al grande regista è allestita all'interno della Mole. C’è la scrivania del regista, ma anche i suoi disegni, alcuni inediti, schizzi, polaroid, pupazzi e oggetti di scena. Protagonisti tutti i personaggi più famosi creati da Tim Burton, da Beetlejuice a Edward mani di forbice, fino all’ultima riuscita serie Netflix, Mercoledì.  Per la prima volta in città Burton è rimasto colpito da palazzi e ambienti storici.
INFOMuseo del Cinema, www.museocinema.it

CONCERTI

CLAUDIO BAGLIONI
Giovedì 25, Venerdì 26 e Sabato 27 gennaio ore 21
Il Rock-Opera-Show “aTUTTOCUORE” di Claudio Baglioni ha toccato le maggiori arene indoor d’Italia e adesso arriva al Pala Alpitour di Torino per tre date all'insegna della grande musica che ha fatto la storia d'Italia. “aTUTTOCUORE” è un progetto vitale, visionario, strabiliante, ideato, progettato e realizzato con Giuliano Paperini, che ne cura direzione artistica e regia teatrale. Ambientato in un futuro a-temporale, con citazioni che partono dalla notte dei tempi per muovere fino a epoche futuribili. Tutto, sul palco e intorno al palco, è ricerca di bellezza. La musica, innanzitutto, grazie a una scaletta mozzafiato che raccoglie 38 straordinari successi senza tempo di un repertorio che non ha eguali, ricco di brani-manifesto che sono entrati a far parte del linguaggio e della cultura italiani.
INFO: Palaolimpico, corso Sebastopoli 123, www.palaalpitour.it

BARCA SOLARE 1 
Domenica 28 gennaio ore 21
In occasione delle celebrazioni della Giornata della Memoria, Fondazione Merz e OFT, Orchestra Filarmonica Di Torino, presentano domenica 28 gennaio alle ore 21 il concerto Barca Solare 1. Quando la musica è memoria di Sergio Azzolini, Madaski e Sergio Berardo con un programma musicale in cui le istanze di rifiuto di cancellazione delle memorie storiche e ambientali prendono forma e coralità negli spazi della Fondazione Merz, all’interno della mostra dell’artista palestinese Khalil Rabah.
INFOhttps://www.fondazionemerz.org/ 

LIRICA

DON PASQUALE
Fino al 1° febbraio. Giovedì 25 gennaio e Venerdì 26 gennaio ore 20, Sabato 27 e Domenica 28 ore 15
Nel Don Pasquale di Donizetti è escluso ogni buonismo, perché l’umorismo è irresistibile quanto crudele. Il protagonista è un anziano benestante che decide di sposarsi per diseredare il nipote Ernesto, innamorato di Norina, una bella vedova senza soldi. La decisione costerà cara a Don Pasquale! Il suo amico, il Dottor Malatesta, ordirà ai suoi danni una burla colossale che porterà il vecchio signore, deriso e schiaffeggiato, ad accettare con un sorriso la morale pronunciata della futura nuora: «Ben è scemo di cervello / chi s’ammoglia in vecchia età». Nell’opera si susseguono a ritmo serrato momenti di farsa ad altri di tenerezza sentimentale, come la serenata al chiaro di luna di Ernesto che mandò in delirio il pubblico parigino la sera del debutto nel 1843. In questa storica produzione, la duttilità e la reattività richiesta per affrontare le diverse situazioni sarà garantita da un doppio quartetto di ottimi specialisti. Il maestro Alessandro De Marchi, con la sua consueta attenzione verso le modalità interpretative dell’età del belcanto, condurrà l’orchestra attraverso una partitura spumeggiante. Le scene e i costumi di Eugenio Guglielminetti, per la regia magistrale di Ugo Gregoretti, collocano la vicenda nello scorcio di una Roma ottocentesca, piena di vita e di poesia.
INFO: Teatro Regio, piazza Castello 215, tel. 0118815241/242, www.teatroregio.torino.it

IL DIARIO DI ANNA FRANK
Sabato 27 e Domenica 28 gennaio
Opera-monologo del compositore russo Grigorij Frid, dall’omonimo diario di Anna Frank. L’opera della durata di un’ora circa è rivolta ai ragazzi dagli 11 ai 18 anni. L'allestimento del Regio è presentato in occasione del Giorno della Memoria.
INFO: Piccolo Regio Puccini, piazza Castello 215, tel. 0118815241/242, www.teatroregio.torino.it

MUSICAL

FAME - SARANNO FAMOSI
Giovedì 25, Venerdì 26 e Sabato 27 gennaio ore 20.45, Domenica 21 ore 15.30
Il musical che ha appassionato intere generazioni. Saranno famosi è stata una delle serie tv più famose e indimenticabili. Ma è stato anche un film e un musical di successo internazionale.
La trama racconta la vita degli allievi e degli insegnanti della rinomata ed esclusiva scuola di Performing Arts di New York. Un gruppo di ragazzi, la loro passione e la loro dedizione per il mondo dello spettacolo, una storia che continua a conquistare ed emozionare nuove generazioni di pubblico e ispirare miriadi di giovani talenti. Saranno famosi è un fenomeno leggendario e intramontabile della cultura pop.
Un titolo talmente famoso da essere entrato nell’immaginario della gente come sinonimo di desiderio di realizzare il proprio sogno nel mondo dello spettacolo.
Il duro lavoro, la competizione artistica, il sudore, la passione, gli amori, le sconfitte e i successi. Ideato da David De Silva, traduzione e riadattamento Luciano Cannito. Regia Luciano Cannito.
INFO: Teatro Alfieri, piazza Solferino 4, www.teatroalfieritorino.it

TEATRO

FUNERAL HOME
Martedì 23 gennaio ore 21
Una coppia di anziani, Lui e Lei, si sta recando ad un funerale. Trascorreranno un’ora e mezza, Lui a sfuggire dalla realtà e Lei a cercare di riportarcelo. Un inseguimento follemente divertente e poetico. Però calma! Ci vuole rispetto, siamo ad una cerimonia. Che si svolge in una funeral home. Di e con Giacomo Poretti e Daniela Cristofori. Regia di Marco Zoppello.
INFO: Teatro Concordia, corso Puccini, Venaria, tel. 0114241124, www.teatrodellaconcordia.it

UN CURIOSO ACCIDENTE
Martedì 23, Giovedì 25, Sabato 27 gennaio ore 19.30, Mercoledì 24, Venerdì 26 ore 20.45, Domenica 28 ore 16
Gabriele Lavia firma la regia e interpreta questo testo poco noto di Carlo Goldoni, che ancora oggi si rivela a noi come un vero e proprio capolavoro di struttura drammaturgica. Scritta nel 1760, la commedia racconta una serie di amori incrociati e fraintesi, ma tocca, soprattutto, uno degli aspetti centrali dell’arte goldoniana: il rapporto tra vero e verosimile. In questa storia crudele ed esilarante, i due protagonisti, padre e figlia, usano le persone come marionette: amore, cura, amicizia e generosità nelle loro mani diventano strumenti per insultare, deridere e ferirsi a vicenda. Menzogne, manipolazione e disinformazione sono lo specchio deformato e attuale dei vizi dell’uomo.
INFO: Teatro Carignano, p. Carignano 6, www.teatrostabiletorino.it

L'ISTRUTTORIA
Martedì 23, Giovedì 25, Sabato 27 gennaio ore 19.30, Mercoledì 24, Venerdì 26 ore 20.45, Domenica 28 ore 16
Gli allievi della Scuola per Attori del TST portano in scena L’istruttoria, il celebre testo che Peter Weiss scrisse dopo aver assistito allo storico processo contro un gruppo di SS e di funzionari del lager di Auschwitz, che si svolse a Francoforte dal 1963 al 1965. La cronaca storica di quel processo non avrebbe significato, infatti, se ad essa non rispondessero le nostre coscienze contemporanee. Diretti da Leonardo Lidi, vicedirettore della Scuola, i giovani interpreti si fanno carico delle voci dei sopravvissuti, esprimendo con consapevolezza il dovere di ricordare la memoria dell’Olocausto e l’arte di mantenere un impegno rispetto alla storia.
INFO: Teatro Gobetti, via Rossini 8, tel. 0115169555, www.teatrostabiletorino.it

PASSAGE - CONVERSAZIONE PER I POSTERI
Da Mercoledì 24 a Sabato 27 ore 19
Passage è lo spettacolo itinerante ideato e diretto da Sergio Ariotti ispirato a “I «passages» di Parigi” di Walter Benjamin, l’opera più geniale del filosofo, affascinante espressione di quella continua proliferazione dei materiali e infinita esplorazione del reale storico che è una delle chiavi di lettura della modernità. Alla Galleria Subalpina, nel cuore di Torino, che ricorda la Galérie Vivienne. Proveniente da Colonia e in fuga dall’incubo nazista, Walter Benjamin giunge a Parigi il 18 marzo 1933. Non tornerà più in Germania. Concluderà suicida la sua vita di esiliato a Port Bou in Spagna, nel 1940. Quando scende dal treno nella capitale francese a pochi giorni dalla nefasta vittoria elettorale di Hitler del 5 marzo 1933 Benjamin ha 41 anni. Parigi è la città europea che, dopo Berlino, ama di più; la considera la vera capitale del ventesimo secolo. Ai passages parigini dedica la sua opera più geniale, I “passages” di Parigi appunto; nella sua Bibliothèque Nationale trascorre i momenti di maggiore serenità, di più importante concentrazione intellettuale. Egli stesso si trasforma nel flâneur descritto nei suoi lavori e i passages diventano lo scenario preferito di tante sue divagazioni erudite.
INFO: Galleria Subalpina, www.fondazionetpe.it

SEMPRE FIORI, MAI UN FIORAIO!
Mercoledì 24 gennaio ore 21
Sempre fiori, mai un fioraio! è il titolo di un libro edito da Rizzoli dove Poli si è raccontato a Strabioli durante una serie di pranzi trascorsi nello stesso ristorante, alla stessa ora nell’arco di due anni. Da queste pagine nasce una serata dedicata al pensiero libero, all’irriverenza, alla profonda leggerezza di un genio che ha attraversato il novecento con la naturalezza, il coraggio, la sfrontatezza che lo hanno reso unico e irripetibile. L’infanzia, gli amori, la guerra, la letteratura, pennellate di un’esistenza che resta un punto di riferimento non soltanto nella storia teatrale di questo paese. Pino Strabioli ha affiancato Poli in palcoscenico ne I viaggi di Gulliver e insieme hanno condotto per Rai Tre E lasciatemi divertire, otto puntate dedicate ai vizi capitali. «Ma Paolo perché otto? I vizi sono sette! L’ottavo sono io, sciocchi!». Con Pino Strabioli e Marcello Fiorini alla fisarmonica.
INFO: Teatro Gioiello, via Colombo 31, www.teatrogioiellotorino.it

PARADISO XXXIII
Giovedì 25 e Venerdì 26 gennaio ore 21
Uno spettacolo divulgativo senza che niente sia spiegato. Dante Alighieri, nel 33esimo canto del Paradiso, si trova nell'impaccio dell'essere umano che prova a descrivere l'immenso, l'indicibile, prova a raccontare l'irraccontabile. Questo scarto rispetto alla “somma meraviglia” sarà messo in scena creando un’esperienza unica, quasi fisica per lo spettatore al cospetto dell’immensità. Elio Germano, attore amatissimo e vincitore di quattro David di Donatello come miglior attore protagonista e Teho Teardo, musicista e compositore, sono voce e musica per dire la bellezza e avvicinarsi al mistero, l'immenso, l'indicibile ricercato da Dante nei versi del XXXIII canto del Paradiso. Dal suono avvincente ed “etterno” germoglia la musica inaudita e imprevedibile del compositore d'avanguardia e scaturisce la regia visionaria e impalpabile di Simone Ferrari e Lulu Helbaek, poeti dello sguardo, capaci di muoversi tra cerimonie olimpiche, teatro e show portando sempre con loro una stilla di magia del Cirque du Soleil. Grazie alla loro esperienza crossmediale, accadrà qualcosa di magico e meraviglioso di inspiegabile, trascendendo qualsiasi concetto di teatro, concerto o rappresentazione dantesca attraverso una contaminazione di linguaggi tecnologici e teatrali.
INFO: Teatro Colosseo, via Madama Cristina 71, tel. 011.6698034, www.teatrocolosseo.it

Daniele Angi e Chiara Gallo

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A FEBBRAIO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium