/ Politica

Politica | 02 luglio 2024, 19:46

Ministro sabaudo, ministro apprezzato: Crosetto, Pichetto e Zangrillo al top per la fiducia

Tra i primi cinque non compaiono Daniela Santanchè e l’altro piemontese (acquisito) Roberto Calderoli, al primo posto c’è il ministro della Difesa. A rilevarlo l’ultima indagine dell’Istituto Piepoli

Ministro sabaudo, ministro fidato: Crosetto, Pichetto e Zangrillo al top

Ministro sabaudo, ministro fidato: Crosetto, Pichetto e Zangrillo al top

Sale la fiducia nei ministri del governo Meloni dopo le elezioni Europee. È quanto rileva l’ultimo rapporto dell’Istituto Piepoli. Tutti i dati di gradimento dell’esecutivo sono in aumento, come ha commentato il presidente dell’istituto che si occupa di ricerche di marketing e opinione Livio Gigliuto ad Adnkronos. 

Crosetto al top

Al top c’è il ministro della Difesa Guido Crosetto, con una percentuale che si attesta al 39% dopo la tornata elettorale dell’8-9 giugno (che ha visto per altro l’elezione del nipote Giovanni Crosetto all’Europarlamento. Seguono Giancarlo Giorgetti al 36% e appaiati al 35% si trovano invece quattro titolari di dicasteri: il ministro alla Salute Orazio Schillaci, il ministro del Lavoro Marina Elvira Calderone, il guardiasigilli Carlo Nordio e il vicepremier, a capo della Farnesina e leader di Forza Italia, Antonio Tajani.

Bene Pichetto e Zangrillo

Non solo Crosetto. C’è spazio anche per altro Piemonte nei primi cinque. Al 34% si trovano al quarto posto sia il ministro all’Ambiente Gilberto Pichetto Fratin, sia il ministro alla Pubblica Amministrazione Paolo Zangrillo, insieme al ministro per le Disabilità Alessandra Locatelli.

Al 33% tre ministri a pari merito al quinto posto. Annamaria Bernini (Università e Ricerca), Raffaele Fitto (Affari Europei e Pnrr) e Eugenia Maria Roccella (Pari Opportunità). 

Salvini e i 'bocciati'

Assenza di peso nella top 5 per l’altro vicepremier e leader della Lega Matteo Salvini, così come non risultano il ministro degli Interni Matteo Piantedosi, il ministro all'Istruzione Giuseppe Valditara e il ministro alla Cultura Gennaro Sangiuliano.

Fuori anche l’altra piemontese di nascita Daniela Santanchè (Turismo) e un piemontese d’adozione Roberto Calderoli (Affari Regionali e Autonomie).

Come registra l’Istituto Piepoli, il balzo più grande è quello Schillaci, titolare della Sanità, oggi a +9 nell’area Sud/Isole e Abobi, che sale del 9%, votato dai giovani tra i 18 e i 34 anni. Ottima anche la performance di Tajani, cresciuto dell'8% al Centro.

Su Schillaci, come conferma Gigliuto,  "può aver influito anche l'ultimo decreto approvato in cdm, quello per il taglia liste d'attesa, che al Meridione è particolarmente sentito”.

Daniele Caponnetto

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A LUGLIO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium