ELEZIONI REGIONALI
 / Sanità

Sanità | 15 aprile 2023, 15:42

Nuove forze per affrontare l'arresto cardiaco: distribuiti 33 massaggiatori automatici al 118

L'iniziativa vede coinvolta l'Azienda Zero. Nel 2022 in Piemonte il 118 è intervenuto in ben 9.273 casi di arresto cardiaco di cui 4.716 nella provincia di Torino

Consegna dei massaggiatori cardiaci agli operatori del 118

Sono 33 i massaggiatori cardiaci automatici distribuiti al 118 da parte dell'Azienda Zero

In ambito di emergenza urgenza esistono situazioni particolari dove il tempo di intervento e la performance di esecuzione di alcune manovre possono fare davvero la differenza, una di queste situazioni è l’arresto cardiaco.

Ogni anno in Italia muoiono circa 60.000 persone di arresto cardiaco, circa 1.000 al giorno in Europa; la percentuale di sopravvivenza a questo evento è ancora molto bassa, non superando il 2% in assenza di interventi rapidi e precisi.

Nel 2022 in Piemonte il 118 è intervenuto in ben 9.273 casi di arresto cardiaco di cui 4.716 nella provincia di Torino, 1.744 in quella di Novara, 1.403 in quella di Cuneo e 1.410 su Alessandria. I numeri dei primi tre mesi del 2023 confermano questo andamento. Purtroppo l’arresto cardiaco improvviso, in molti casi, è il primo esordio di una malattia cardiovascolare latente che non ha mai dato segni di sé al paziente; infatti nell’80% circa dei casi poi si scopre una patologia coronarica sottostante silente fino a quell’evento. Ecco perché in queste situazioni il tempo di intervento e le modalità di esecuzione del massaggio cardiaco esterno sono fondamentali.

Azienda Sanitaria Zero ha distribuito in questi giorni 33 nuovi massaggiatori meccanici automatici che andranno ad operare sulle ambulanze del Sistema 118 Regionale:

-       9 alla Centrale Operativa 118 di Torino e saranno posizionati sui mezzi avanzati di Cascine Vica, Rivoli, Moncalieri, Orbassano, Ciriè, Torre Pellice, Perosa Argentina, Nichelino, e uno sarà assegnato come dotazione di scorta alla C.O. 118;

-       8 al 118 di Novara e saranno posizionati sui mezzi avanzati di Varallo, Borgosesia, Biella, Verbania, Borgomanero, Domodossola, ed uno sarà assegnato come dotazione di scorta alla C.O. 118;

-        10 a Cuneo e saranno posizionati sui mezzi avanzati di Levaldigi, Savigliano, Fossano, Mondovì, Ceva, Dogliani, Bra, Saluzzo, ed uno sarà assegnato come dotazione di scorta alla C.O. 118;

-        6 ad Alessandria e saranno posizionati sui mezzi avanzati di Alessandria, Asti, Moncalvo, Novi Ligure, Tortona, ed uno sarà assegnato come dotazione di scorta alla C.O. 118.

Ma cosa è e a cosa serve questo massaggiatore?

Il massaggiatore meccanico automatico è un dispositivo che, una volta posizionato correttamente sul torace della persona colpita da Arresto Cardiaco Improvviso, esegue il massaggio cardiaco in maniera meccanica automatica e soprattutto, a regola d’arte.

Il massaggiatore meccanico automatico somministra compressioni toraciche automatiche efficaci, nel rispetto delle linee guida internazionali per la Rianimazione Cardio Polmonare, è dotato di autocalibratura per l’utilizzo semplificato ed esplica la sua azione mediante una ventosa che si applica sul torace del paziente. Funziona a batteria con una autonomia di 45 minuti, ma può funzionare anche connesso ad una alimentazione elettrica; ha una memoria interna che consente di registrare i dati di utilizzo, in modo da poter riesaminare gli eventi trattati.

Il Dr. Carlo Picco, Commissario di Azienda Sanitaria Zero ha evidenziato come “l’innovazione tecnologica sia uno dei punti di forza di Azienda Zero e tutte queste apparecchiature, più altre che stanno per arrivare, sottolineano proprio il carattere innovativo di Azienda Zero”.

Il Dr. Gianluca Ghiselli, Direttore Sanitario, ha sottolineato di come “la distribuzione che sarà fatta sul territorio è frutto di un lavoro di squadra a cui hanno contribuito tutte le Centrali 118 del Piemonte, per identificare le zone che più necessitavano di questo supporto”.

I 33 nuovi massaggiatori vanno ad affiancare i 24 già in uso, garantendo così una maggiore copertura del territorio a sostegno delle vittime di arresto cardiaco.

comunicato stampa

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A MAGGIO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium