ELEZIONI REGIONALI
 / Eventi

Eventi | 14 aprile 2024, 06:30

Cosa fare a Torino nel weekend: gli eventi fino a domenica 14 aprile

Il concerto dei Subsonica e quello di Samuele Bersani. Si ride con I Legnanesi e con il Derby Cabaret. A teatro dalla pazzia di Orlando ai Piccoli crimini coniugali, mentre per le famiglie ci sono Peter Pan e i "Pirati!". Al via la rassegna transfemminista Mind the Gap e torna per la sua 28esima edizione il Valsusa FilmFest

I Subsonica, in concerto all'Inalpi Arena sabato 13 aprile alle 21

I Subsonica, in concerto all'Inalpi Arena sabato 13 aprile alle 21

EVENTI

MIND THE GAP 
Dal 10 al 14 aprile 
A cosa serve un festival sui temi del transfemminismo? A questa e ad altre domande vuole dare risposta la quarta edizione di Mind the Gap, il festival transfemminista intersezionale diffuso a Torino ideato e prodotto da The Goodness Factory che quest’anno torna per “Pensare, disobbedire, resistere” , rovesciando e letteralmente bruciando il noto motto fascista. Transfemminismo è una parola che ancora spaventa. E allora Mind The Gap vuole chiarirla definitivamente: il transfemminismo è il movimento che chiede la parità di diritti per tutte le persone, in ogni ambito. Il transfemminismo intersezionale è quindi un movimento che prende coscienza di non rappresentare solo la lotta delle donne, ma che, come senso profondo, decostruisca ogni forma di discriminazione dovuta al genere, all’abilismo, al razzismo, all’ageismo, all’omosbotransfobia, alla grassofobia, disuguaglianze economiche e al credo religioso. 
INFOwww.mindthegaptorino.it

I VENERDI' DEL LIBRO
Venerdì 12 aprile ore 18
Presentazione del romanzo "Solo la Verità", ultima fatica letteraria di Giorgio Boccaccio (Edizioni Tripla EEE). Un'opera delicata, un libro che parla di risveglio, di apertura alla vita e consegna al lettore una serenità al femminile da scoprire, da comprendere, da amare.
INFO: Osteria Rabezzana, via San Francesco d'Assisi 23C, www.osteriarabezzana.it

CINEMA

VALSUSA FILMFEST 
Dal 12 aprile al 14 maggio 
Torna per la sua 28esima edizione il Valsusa FilmFest, il Festival cinematografico e culturale di comunità sui temi della memoria storica, della montagna, dell’ambiente e dell’inclusione sociale. Proiezioni delle opere selezionate per il concorso cinematografico, spettacoli teatrali, incontri letterari, proiezioni fuori concorso e tre eventi speciali: il 13 aprile con Peter Freestone, assistente personale di Freddie Mercury per 11 anni, il 4 maggio con un ricordo di Michela Murgia insieme a Maura Gancitano e Andrea Colamedici e il 14 maggio con la proiezione di “Lubo” presentato dal regista di Giorgio Diritti. Il tiolo dell’edizione è “Si potrebbe poi sperare tutti in un mondo migliore. Vengo anch’io? No, tu no”, citazione dalla celebre canzone di Enzo Jannacci, al quale è dedicato l’evento di apertura con la proiezione del docufilm “Enzo Jannacci - Vengo anch’io” di Giorgio Verdelli e lo spettacolo teatrale del 22 aprile di e con Paolo Rossi intitolato “Jannacceide”. Tra gli altri ospiti principali ci saranno Vauro Senese, il 14 aprile ospite per la consegna del Premio Bruno Carli al Collettivo di Fabbrica GKN di Campi Bisenzio, e Ettore Bassi che il 3 maggio sarà in scena con lo spettacolo teatrale “Il sindaco Pescatore”.
INFO: www.valsusafilmfest.it

UN MONDO A PARTE 
Venerdì 12 aprile ore 20.30 
Il film che sta facendo gran successo di incassi, Un mondo a parte, sarà proiettato all’Ambrosio Cinecafé. In sala ci sarà anche il regista Riccardo Milani con gli attori Virginia Raffaele e Antonio Albanese. Per il maestro elementare Michele Cortese sembra aprirsi una nuova vita. Dopo 40 anni di insegnamento nella giungla romana, riesce a farsi assegnare all'Istituto Cesidio Gentile detto Jurico: una scuola composta da un'unica pluriclasse, con bambini dai 7 ai 10 anni, nel cuore del Parco Nazionale d'Abruzzo. Grazie all'aiuto della vicepreside Agnese e dei bambini, supera la sua inadeguatezza metropolitana e diventa uno di loro. Quando tutto sembra andare per il meglio però, arriva la notizia che la scuola, per mancanza di iscrizioni, a giugno chiuderà. Inizia così una corsa contro il tempo per evitarne la chiusura in qualsiasi modo.
INFOwww.torinoggi.it/sommario/argomenti/eventi-11.html

CONCERTI

FULMINACCI
Martedì 9 aprile ore 2
A distanza di due anni dalla sua ultima tournée indoor, il cantautore romano ha fissato per aprile 2024 i suoi nuovi appuntamenti dal vivo. Insieme alla serie di show nei club, per il "Fulminacci - In tour" la voce di Santa Marinella ha annunciato anche il suo debutto sul palco di un palazzetto.
INFO: Teatro Concordia, corso Puccini, Venaria, tel. 0114241124, www.teatrodellaconcordia.it

SAMUELE BERSANI E ORCHESTRA
Mercoledì 10 aprile ore 21

La voce e le canzoni di Bersani si fondono con la magia di una grande orchestra in una serata magica. I grandi successi di uno degli autori più intensi del panorama italiano in una lettura completamente nuova che, oltre allo slancio orchestrale, vivrà di un'esecuzione delicata e potente insieme. Un confronto tra linguaggi, tra diversi approcci al testo e all'interpretazione, alla ricerca di un territorio comune che consentirà alla musica di penetrare tra le parole e le immagini, accompagnandole, commentandole, esaltandole e talvolta travolgendole.
INFO: Teatro Colosseo, via Madama Cristina 71, tel. 011.6698034, www.teatrocolosseo.it

MARKUS STOCKHAUSEN 
Mercoledì 10 aprile ore 21.30
Leggendaria tromba del jazz contemporaneo e nella musica classica, Markus Stockhausen arriva al Folkclub. Stockhausen ha inciso per ECM opere a suo nome in diversi contesti, dopo aver intrapreso una formidabile carriera sin da piccolo, a seguito del padre, il mitico Karlheinz Stockhausen, tra i più grandi compositori del XX secolo. In tempi più recenti Markus ha incontrato un’altra leggenda del minimalismo, Lino Capra Vaccina, braccio destro di Franco Battiato, già fondatore dell’ensemble seminale Aktuala, con cui ha prodotto una musica intima e suadente, mistica e incantata, con la quale ha saputo dipingere come nessun altro prima i colori della notte, in meravigliosi arabeschi sonori. Ai due giganti della musica nuova si aggiungono il giovane persiano Alireza Mortazavi, indiscusso maestro del Santur (antichissimo strumento persiano), e l'incredibile visionario chitarrista Luca Formentini. 
INFOwww.folkclub.it

BREAK FREE - LONG LIVE THE QUEEN
Giovedì 11 aprile ore 21
Considerati da critica e pubblico come il miglior tributo europeo ai Queen, i BreakFree portano in scena uno spettacolo curato nei minimi dettagli per offrire al pubblico un'esperienza unica. Movenze, costumi, luci e suoni, tutto è stato fedelmente studiato, con l’obiettivo di ricreare il pathos di un concerto dei leggendari Queen. In questo show, il rock del gruppo inglese incontra le splendide sonorità di un quartetto d’archi. Ne nasce un perfetto connubio, capace di stupire ed emozionare. Ci si potrà scatenare sulle note di classici senza tempo come Bohemian Rhapsody, We are the Champions, The Show Must Go On, Radio Ga Ga,Don’t Stop me Now, Somebody to Love, Barcelona, We will rock you e Under Pressure.
INFO: Teatro Colosseo, via Madama Cristina 71, tel. 011.6698034, www.teatrocolosseo.it

SUBSONICA - IL TOUR
Sabato 13 aprile ore 21
Lo scorso ottobre è uscito "Pugno di sabbia", il primo singolo dell'ultimo album dei Subsonica, che in quell'occasione hanno annunciato il Tour 2024. Sabato la tournée si chiude proprio nella loro Torino, con un attesissimo concerto. "Dopo 27 anni di storia in una band, ognuno di noi ha imparato a conoscere l'altro più di se stesso ed è sempre molto forte il sogno condiviso e la consapevolezza di avere costruito insieme una solidità capace di sfidare il tempo e le onde della sorte. A proposito di tempo l’appuntamento che si avvicina è importante: quello con il decimo album, che abbiamo voluto interpretare al massimo delle capacità, mettendo a disposizione anche il frutto delle singole esperienze, per realizzare un disco che in questo momento sentiamo fondamentale".
INFO: Palaolimpico Inalpi Arena, corso Sebastopoli 123, www.inalpiarena.it

SUONATORI DI CORNO DA CACCIA
Domenica 14 aprile ore 16.30 
E’ il Salone di villa della Regina, a ospitare  l’ Orchestra Barocca dell’Accademia di Sant’Uberto, diretta da Alberto Conrado. Titolo del concerto “I piaceri della campagna e della foresta”, un appuntamento a ingresso gratuito che - nato in collaborazione Residenze Reali Sabaude, finanziato dal Ministero della Cultura, grazie alla legge relativa ai beni Unescoe dalla Fondazione Crt - vuole promuovere l’arte musicale dei suonatori di corno da caccia, riconosciuta patrimonio Immateriale UNESCO nel 2020, grazie a un dossier internazionale a cui, per l’Italia, ha lavorato, da Torino, proprio l’Accademia di Sant’Uberto. 
INFOdrm-pie.villadellaregina@cultura.gov.it

drm-pie.villadellaregina@cultura.gov.it

ONE WO(MAN) SHOW

GIORGIA FUMO
Martedì 9 aprile ore 21
"Vita Bassa" è lo spettacolo di Giorgia Fumo, che guida lo spettatore alla scoperta della vita dei millenials, i nuovi adulti che si barcamenano con le briciole lasciate dai loro predecessori. Dai viaggi che devono essere a tutti i costi "esperienze" ai programmi in cui si scelgono abiti da sposa, dalla vita in ufficio ai "lasciamenti" nell’era dei social, la Fumo con il suo stile unico porta sul palco una comicità intelligente e mai banale.
INFO: Teatro Colosseo, via Madama Cristina 71, tel. 011.6698034, www.teatrocolosseo.it

TEATRO

LA VITA CHE TI DIEDI
Martedì 9, Giovedì 11 e Sabato 13 aprile ore 19.30, Mercoledì 10 e Venerdì 12 ore 20.45, Domenica 14 ore 16
Stéphane Braunschweig, direttore artistico dell’Odéon – Théâtre de l’Europe di Parigi, approfondisce il legame con la scrittura di Pirandello dirigendo questo nuovo spettacolo per lo Stabile di Torino. Scritto nel 1923 per la Duse, il testo è il più struggente del grande drammaturgo sul tema della maternità e del lutto. “Come può una madre sopravvivere alla morte del figlio?” si chiede l’autore. Semplicemente affermando che non è morto. O, più esattamente, fingendo che sia ancora vivo. Pirandello fa vacillare le nostre certezze, i nostri preconcetti: malgrado sappia che la realtà finirà per mettere fine all’illusione, ci fa capire quanto abbiamo bisogno di illusioni per restare in piedi.
INFO: Teatro Carignano, p. Carignano 6, tel. 0115169555-800235333, www.teatrostabiletorino.it

LA PAZZIA DI ORLANDO
Martedì 9, Giovedì 11 e Sabato 13 aprile ore 19.30, Mercoledì 10 e Venerdì 12 ore 20.45, Domenica 14 ore 16
Le cose perse in Terra dove vanno a finire? Orlando perde il senno sulla Luna, luogo della nostra aspirazione e somma di tutte le storie. Cosa rimane? Orlando percorre una Terra arida, ormai lunare e trova nei Tarocchi la composizione del suo racconto, in frammenti di poema che s’intrecciano per riacquisire la ragione tra Re e Regine di spade, Cavalieri di bastoni, Carro, Sole e Matto. Da un’idea di Pietrangelo Buttafuoco, l’incontro di due autori geniali e fantasiosi come Ariosto e Calvino diviene terreno fertile per una narrazione suggestiva, dove le occasioni perdute diventano trame simultanee e piene di nuovi sviluppi. Regia di Graziano Piazza.
INFO: Teatro Gobetti, via Rossini 8, tel. 0115169555-800235333, www.teatrostabiletorino.it

MEDEA
Martedì 9Mercoledì 10Giovedì 11Venerdì 12 aprile ore 20.45, Sabato 13 ore 19.30, Domenica 14 ore 16

Leonardo Lidi affronta una delle tragedie più crude e spietate dell’antichità. Medea, figura chiave della letteratura classica e simbolo senza tempo del dolore femminile, è colei che ha abbandonato la propria patria per seguire un uomo, che l’ha resa madre per abbandonarla, poi, per una donna più giovane, in nome del proprio tornaconto. Medea non ha alcun luogo o famiglia a cui far ritorno, scartata perché di intralcio a un progetto personale e politico, quello di Giasone, che esclude pietà e sentimenti. Nella parte della protagonista Orietta Notari, che ha vinto il Premio Le Maschere del Teatro come miglior attrice non protagonista.
INFO: Fonderie Limone, via Pastrengo 88, Moncalieri, www.torinodanzafestival.it

TUTTO SUA MADRE
Mercoledì 10 aprile ore 21
scene Yasmin Pochat costumi Agostino Porchietto produzione Bis Tremila
Grande Prosa Esilarante, profonda, sottile. La storia di un ragazzo e poi di un uomo che, attraverso peripezie e avventure, cerca di affermare la propria eterosessualità in una famiglia che invece lo ha catalogato come omosessuale. E' un testo nel quale si ride tanto, si fanno le dovute riflessioni sui condizionamenti familiari e si capisce come qualsiasi (ri) nascita sia provvidenziale, auspicabile o addirittura necessaria, anche quando si tratta di un coming-out al contrario. Scritto, e rappresentato da Guillaume Gallienne, attore e regista di punta della Comédie Française, lo spettacolo ha avuto a Parigi uno straordinario successo, una quantità enorme di repliche e successivamente una versione cinematografica che ha fatto man bassa di César. La regia è di Roberto Piana.
INFO: Teatro Erba, corso Moncalieri 241, tel. 0116615447/011.6618404 - www.torinospettacoli.it

INVISIBILI
Giovedì 11 aprile ore 20, Venerdì 12 ore 21, Sabato 13 ore 19, Domenica 14 ore 17
Aurélien Bory, coreografo e regista francese di fama internazionale, da sempre affascinato dalle contaminazioni linguistiche e culturali, realizza uno spettacolo che nasce dalla sua “infatuazione” per la città di PalermoInvisibili è il risultato di diversi sopralluoghi del regista in città, di incontri con cittadini e artisti, di riflessioni sull’arte, la storia, le bellezze e le contraddizioni di Palermo. Si tratta di uno spettacolo multidisciplinare di teatro, musica e danza, che a partire dal Trionfo della Morte di Palazzo Abatellis e da altre suggestioni legate alla città di Palermo, sviluppa un percorso poetico di analisi sociale, di relazioni, identità e complessità.
INFO: Teatro Astra, via Rosolino Pilo 8, tel. 5634352, www.fondazionetpe.it

BELLO!
Venerdì 12 aprile ore 21
Il nuovo spettacolo creato e diretto da Francesco Sgrò è una performance per il palcoscenico che riunisce sei virtuosi artisti di circo di diversa provenienza e un attore molto agile, scelti per la loro reciproca capacità di ascoltarsi e capirsi. La dinamica di gruppo è al centro del progetto. Bello! interroga la relatività delle forme storiche della bellezza, tirannica in Italia, e l’universalità del nostro bisogno di  giudizio.
INFO: Teatro Concordia, corso Puccini, Venaria, tel. 0114241124, www.teatrodellaconcordia.it

IL CALAMARO GIGANTE
Venerdì 12 e Sabato 13 aprile ore 20.45, Domenica 14 ore 15.30
Vite sconosciute ma fondamentali, incredibili ma verissime, legate dall'aver creduto con tutto il cuore all'esistenza di un animale così enorme e lontano dalla normalità che per millenni lo si è considerato una leggenda: il calamaro gigante. Nei loro panni, Angela e Montfort vivono le loro battaglie, si esaltano ai loro trionfi e si disperano alle tragiche rovine, in un racconto che schizza tra i secoli e i continenti ricorrendo a tutti i linguaggi offerti dalla narrazione: immagini, scenografie, musica, danza… in un abbraccio appassionato che raggiunge i cuori di ogni età, dai giovani a quelli che giovani lo sono dentro. E se nel mondo esiste il calamaro gigante, allora non c’è più un sogno che sia irrealizzabile, una battaglia inaffondabile, un amore impossibile. Regia di Carlo Sciaccaluga; con Angela Finocchiaro, Bruno Stori e 8 performer.
INFO: Teatro Alfieri, piazza Solferino 4, www.teatroalfieritorino.it

A LITTLE GOSSIP NEVER KILLED NOBODY
Venerdì 12 aprile ore 20
Klara, Agnes e Martha si ritrovano tutte le sere per bere una birra insieme dopo l’estenuante lavoro in fabbrica. La vita nel paese dove vivono è logorante, non succede mai nulla di nuovo e niente sembra in grado di cambiare in meglio. Un giorno, però, qualcosa finalmente succede: Martha ha un rapporto sessuale con il loro capo, di cui si è invaghita, che presto si trasforma in una vera e propria relazione. Da quel giorno tutto cambia irrimediabilmente e, mentre loro ottengono piccoli miglioramenti sul lavoro grazie al rapporto privilegiato di Martha col capo, le conversazioni quotidiane delle tre donne diventano sempre meno innocue e sempre più inquietanti. Una favola oscura sul potere della parola, così potente che può cambiare la realtà, crearne una nuova, spingerti a immaginare, desiderare, manipolare, obbedire. Con la compagnia under35 Le Ore Piccole.
INFO: CineTeatro Baretti, via Baretti 4, Torino, tel. 011.655187, www.cineteatrobaretti.it

http://www.cineteatrobaretti.it/

LE BAL
Sabato 13 aprile ore 21, Domenica 14 ore 16
Tutto si svolge in una balera, luogo d’incontro di uomini e donne âgées: un caleidoscopio di accadimenti che accompagna il pubblico in un appassionante viaggio nel tempo scandito dalla musica che si fa drammaturgia. Le coppie ballano e, in un crescendo, si spogliano dei loro abiti grigi per tornare magicamente al 1940. E da questo momento è la storia a farla da padrona e la musica ne scandisce l’evolversi. Sessant’anni della storia d’Italia, a volte fantastica a volte tragica, si rincorrono sul palcoscenico affidati a 12 inarrestabili attori/danzatori e alla straordinaria forza comunicativa della musica, delle azioni, dei gesti e dei suoni. L’Italia balla dal 1940 al 2001 è un racconto senza parole originalissimo ed esuberante, che sboccia davanti al pubblico conquistandolo passo dopo passo.
INFO: Teatro Gioiello, via Colombo 31, www.teatrogioiellotorino.it

PICCOLI CRIMINI CONIUGALI
Sabato 13 aprile ore 21
Un thriller psicologico appassionante, una commedia al vetriolo che mescola humor e noir, amore e odio, una mise en abyme che porta in scena l’arte come strumento catartico per liberarci dai nostri lati oscuri (imparando a riconoscerli). Protagonista una coppia di raffinati intellettuali borghesi che si ritrova improvvisamente a dover ridisegnare la propria vita coniugale a causa di un’imprevista perdita di memoria. Emerge tutta la violenza implicita nei rapporti di coppia e lo spettatore si trova ad accompagnare i due in una vera e propria discesa agli inferi per scoprire fino a che punto ci si possa spingere per mantenere viva una relazione, in un “gioco al massacro” che non manca, però, di divertire, oltre a tenere col fiato sospeso.
INFO: Teatro Concordia, corso Puccini, Venaria, tel. 0114241124, www.teatrodellaconcordia.it

PATRIA. IL PAESE DI CAINO E ABELE
Sabato 13 aprile alle 21
La storia d'Italia dal dopoguerra ai giorni nostri vista attraverso gli occhi di due fratelli che hanno misteriosamente incrociato gli eventi più sanguinosi della storia italiana: le stragi, i golpe, il terrorismo, le lobbY, le mafie, i servizi segreti. E’ uno spettacolo particolarissimo di e con Fabio Banfo, con regia di Giacomo Ferraù. Il pubblico in sala potrà fare un viaggio in quelle *verità sulle stragi che sono state dimenticate, occultate, cancellate *nella storia recente del nostro paese e che hanno ancora un profondo seppur spesso invisibile riflesso sul tempo in cui viviamo. Il testo intreccia tutte quelle vicende che hanno contribuito a fare dell'Italia dei nostri nonni il paese che lasceremo ai nostri figli. E’ un racconto, quello dell’Italia, inevitabilmente tragicomico, dove le memorie degli eroi e quelle dei malvagi, si mescolano indissolubilmente come le storie dei nostri due fratelli. Una biografia famigliare che finisce per diventare la biografia di una nazione.
INFO: Spazio Kairos, via Mottalciata 7, biglietteria@ondalarsen.org

FANTASMI SOTTO SFRATTO
Sabato 13 aprile ore 21, Domenica 14 ore 16 e Lunedì 15 aprile ore 10
Uno spettacolo musicale inedito, ricco di melodie accattivanti e gag comiche, con effetti visivi e costumi d’impatto e un cast di consolidata esperienza. E’ ideato e realizzato per un pubblico misto, dalle famiglie al pubblico giovane ai più adulti, è ironico e porta messaggi importanti sulla diversità e sull’amicizia, attirando a teatro anche il pubblico più incline al cinema.
INFO: Teatro Erba, corso Moncalieri 241, tel. 0116615447/011.6618404 - www.torinospettacoli.it

RISATE

DERBY CABARET
Mercoledì 10 aprile ore 21
Condotto da Luisa Corna e Maurizio Colombi, lo show intreccia cabaret e musica rifacendosi alla grande tradizione milanese del Derby. In scena anche una rock band di grandi musicisti che accompagnerà lo spettacolo. Una giuria di qualità capitanata da Mario Luzzatto Fegiz decreterà il comico della serata. Sul palcoscenico, oltre all’allegria di Maurizio Colombi e alle doti vocali dell’eclettica Luisa Corna, ci saranno i migliori comici che si sono susseguiti nelle quattro stagioni del Derby.
INFO: Teatro Gioiello, via Colombo 31, www.teatrogioiellotorino.it

GIORGIO MONTANINI
Mercoledì 10 aprile ore 21
“C’è sempre qualcosa da bere” racconta in modo satirico e tagliente una vicenda traumatica e tragica ma con una conclusione a “lieto fine”. Sul palco il comico fa ammenda e guarda le cose con occhi nuovi, attraverso un punto di vista differente.
INFO: Teatro Concordia, corso Puccini, Venaria, tel. 0114241124, www.teatrodellaconcordia.it

I LEGNANESI
Venerdì 12 e Sabato 13 ore 21, Domenica 14 ore 16.30

"Settimo...non rubare" è il nuovo spettacolo per riabbracciare ancora una volta le decine di migliaia di spettatori che aspettano di anno in anno lo spettacolo de I Legnanesi per trascorrere due ore spensierate con la famiglia Colombo. Il titolo è già promessa di divertimento assicurato, con la comicità e la tradizione dei Legnanesi alle prese con un comandamento quanto mai attuale, insieme ai sontuosi, coloratissimi e coinvolgenti quadri della Rivista all'Italiana, ritmo e risate con Antonio Provasio (Teresa), Enrico Dalceri (Mabilia) e Italo Giglioli (Giovanni), gli altri personaggi del cortile e gli sfavillanti boys.
INFO: Teatro Colosseo, via Madama Cristina 71, tel. 011.6698034, www.teatrocolosseo.it

BAMBINI E RAGAZZI

PETER PAN
Sabato 13 e Domenica 14 aprile ore 16.30

Peter Pan è la storia di un’assenza, di un vuoto che spesso rimane incolmabile, quello di un bambino che non c’è più. È l’inseguimento di un tempo perduto che sfugge al nostro controllo, delle esperienze che ci fanno crescere in fretta. L’ispirazione viene dalle avventure di Peter e Wendy e dall’atmosfera un po’ misteriosa del primo romanzo di James Matthew Barrie, Peter Pan nei Giardini di Kensington dove il sentimento autobiografico di una mancanza incolmabile spinge l’autore a creare un mondo parallelo, un giardino prima, un’isola poi, dove i bambini caduti dalle carrozzine e dimenticati dai propri genitori si ritrovano in uno spazio senza confini fisici e temporali. E l’isola del mai più, Neverland, è forse dentro la testa di ogni bambino, un posto dove vanno a finire le cose dimenticate dai grandi, per cui non c'è spazio nella vita reale. Dai 7 anni.
INFO: Teatro Ragazzi Trg, corso G. Ferraris 266, casateatroragazzi.it

PRENDERE IL VOLO
Sabato 13 aprile ore 17.30, Domenica 14 ore 11

Lo spettacolo, tratto dall'opera di Marina Marinelli e Silvia Molinari edito da Topipittori, nasce con il desiderio di raccontare il rapporto che è possibile costruire sentendosi parte della stessa natura degli uccelli, delle nuvole, degli alberi. Intende mettere in luce non solo il tema della protezione degli esseri più deboli ma, a partire da questo, abbracciare un discorso più ampio in cui la cura di ciò che ci circonda riflette la cura e la crescita di noi stessi. Zazì è una giovane artista immersa tra matite e colori, che per vocazione fin da bambina accoglie gli uccellini caduti dal nido e li aiuta a prendere il volo. Una casa piena di semplice meraviglia dove, tra magie d’ombra e animazione di figure, prende vita la narrazione dell’incontro tra umano e volatile. Lo spettacolo è di Drogheria Rebelot, regia di Enrica Carini e Andrea Lopez Nunes, drammaturgia di Enrica Carini. Dai 3 anni.
INFO: Teatro Ragazzi Trg, corso G. Ferraris 266, casateatroragazzi.it

PIRATI!
Domenica 14 aprile ore 16

Produzione teatrale di AnimaScenica Teatro. Testi e regia di Irene Paoletti. Straordinarie avventure tra mari in tempesta, mostri marini, strani personaggi, luoghi esotici e meravigliosi per celebrare la magia di ogni storia pirata: la vastità e l’emozione infinita del mare, libro illustrato dalle mille sorprese, protagonista dei sogni notturni di un bambino le cui vele oniriche si aprono al vento dell’immaginazione accompagnate dalle storie fantastiche ascoltate nel suo lettino prima di addormentarsi.
INFO: Teatro Concordia, corso Puccini, Venaria, tel. 0114241124, www.teatrodellaconcordia.it

LIRICA E CLASSICA

THE TENDER LAND
Giovedì 11 aprile ore 20

Laurie si sente già adulta, mentre la sua “Ma” la vede ancora come una bambina. Il rapporto tra le generazioni e lo sviluppo della persona sono l’essenza di quest'opera di Aaron Copland su libretto di Horace Everett, intima, ambientata in un'America rurale all'epoca della Grande depressione e animata da danze e melodie d'ispirazione popolare. Edizione in lingua originale inglese con soprattitoli. Prima esecuzione assoluta in Italia. Alessandro Palumbo direttore d'orchestra, Paolo Vettori alla regia. Con l'Orchestra e il Coro del Teatro Regio.
INFO: Piccolo Regio Puccini, piazza Castello 215, tel. 0118815241/242, www.teatroregio.torino.it

LA TRAVIATA
Domenica 14 aprile ore 19
Insieme a Rigoletto e Il Trovatore, La Traviata costituisce la cosiddetta trilogia popolare, tre opere composte nell’arco di tre anni tra il 1850 e il 1853 che consacrarono l’attività operistica di Giuseppe Verdi nell’Olimpo degli Immortali. Tratta dalla versione teatrale di La signora delle camelie di Alexandre Dumas figlio, La Traviata rappresenta uno dei punti più alti delle composizioni romantiche di Verdi. Una storia d’amore, di sacrificio e di denuncia del pregiudizio sociale capace di commuovere generazioni sempre nuove. Prima dello spettacolo verrà servito un aperitivo compreso negli biglietto di ingresso nella Sala del cervo.
INFO: Palazzina di Caccia di Stupinigi, Nichelino, tel 011.6279789, teatrosuperga.it

DANZA

HOW TO ENJOY CEYLON TEA?
Venerdì 12 aprile ore 21
Come gustare una tazza di tè, rigorosamente di Ceylon? Una domanda che rivela il passato coloniale dell’Occidente e il desiderio di insegnare il modo più efficiente di fare le cose. Ma la performer Canan Yücel Pekiçten inventa “altri” modi di gustare il tè di Ceylon: per esempio, “inzupparvi i miei calzini e i miei reggiseni bianchi nel tè per renderli di un colore di pelle più scuro, che si adatta al mio. Il mio sforzo creativo mi ha portata ad osservare lo Sri Lanka, l’opera di Georges Bizet “I pescatori di perle”, la comunità dei veri pescatori di perle di Ceylon e le loro lotte quotidiane”. L’opera lirica, espressione della cultura occidentale, è la fonte critica del lavoro della coreografa: anche se immersa in un’opera classica occidentale, sfida e sovverte le questioni che tratta.
INFO: Stalker Teatro, piazza Montale 18, tel. 011.5881853 – www.officinecaos.net

MOSTRE

EXPOSED - STATE OF EMERGENCY 
Dal 10 aprile al 2 giugno 
Nel tentativo di ricostruire e colmare i vuoti storici relativi al racconto ufficiale del periodo coloniale keniota, con la mostra State of Emergency – Harakati za Mau Mau kwa Haki, Usawa na Ardhi Yetu, a cura di Salvatore Vitale, EXPOSED Torino Foto Festival presenta dal 10 aprile al 2 giugno negli spazi di Palazzo Madama – Museo Civico d’Arte Antica un progetto documentaristico di finzione, realizzato dal fotografo Max Pinckers in collaborazione con i veterani Mau Mau e i kenioti sopravvissuti alle atrocità della guerra. Si tratta della prima mostra dedicata al progetto, che con la sua straordinaria importanza storica anticipa la ricchezza del programma del festival che dal 2 maggio al 2 giugno porta in città alcuni tra i più interessanti esempi della ricerca fotografica internazionale.
INFOwww.palazzomadamatorino.it/it

K2. 1954-2024
Fino al 31 maggio 
Il Museo della Montagna festeggia i 70 anni della scalata italiana al K2. Il 31 luglio 1954, poco prima delle 18, Achille Compagnoni e Lino Lacedelli arrivano in vetta. Sono i primi italiani a toccare la cima di un Ottomila. All'interno del museo, per celebrare la ricorrenza è stata allestita una nuova sezione permanente dedicata a questa spedizione del Club Alpino Italiano. L'iniziativa, promossa in concomitanza con il 150° anniversario della fondazione del Museo, propone una narrazione dell'impresa attraverso una vasta ed eterogenea esposizione di attrezzature, documenti, fotografie e iconografie che rappresentano, nel loro insieme, la più ricca documentazione esistente sul tema. Con immagini poco note, documenti archivistici, pagine di giornale, oggetti e attrezzature alpinistiche, la nuova sezione permanente – frutto del riallestimento di una parte dell’area dedicata all’alpinismo extraeuropeo del Museo – spalanca una finestra sul passato e propone il racconto di un’impresa ancora oggi ritenuta mitica, che costituisce il fondamento dell’himalaysmo italiano moderno.
INFOwww.museomontagna.org/events/k2-i-1954-2024

A TU PER TU CON LEONARDO 
Fino al 30 giugno 
Come da tradizione in occasione delle festività pasquali, la Biblioteca Reale di Torino propone un’occasione eccezionale per conoscere ed esplorare da vicino l’opera di Leonardo da Vinci e ammirare alcuni dei suoi capolavori conservati nel patrimonio dei Musei Reali. Dal 28 marzo al 30 giugno, nell’ambito dell’iniziativa A tu per tu con Leonardo, l’esposizione L’Autoritratto di Leonardo. Storia e contemporaneità di un capolavoro è allestita nelle due sale-caveau della Biblioteca Reale. 
INFOwww.coopculture.it

TORINO ANNI '50. LA GRANDE STAGIONE DELL'INFORMALE
Fino al 1° settembre
Torino, anni Cinquanta. Dopo le vicende belliche, nel campo della arti figurative è cominciata una nuova stagione di rinascita a e slancio verso il futuro, è la grande stagione dell’Informale. A partire dalle opere degli artisti torinesi di questa  nuova corrente si basa la mostra che apre al Museo Accorsi Ometto. Un viaggio dal dopo guerra fino agli anni Sessanta, gli anni della Grande Esposizione Universale attraverso capolavori di autori nazionali e internazionali. Una trentina gli artisti torinesi in mostra, tra questi  Francesco Casorati, Nino Aimone, Antonio Carena, Pinot Gallizio, Ezio Gribaudo, Mario Davico, Paola Levi Montalcini, Mario Lattes, Mario Merz, Carol Rama, Luigi Spazzapan, Francesco Tabusso, Giacomo Soffiantino. A questi si affiancano gli artisti della scena italiana e mondiale: Afro, Enrico Baj, Alberto Burri, Giuseppe Capogrossi, Georges Mathieu, Karel Appel, Hans Hartung, Emilio Vedova.
INFOwww.fondazioneaccorsi-ometto.it

CAPODIMONTE. DA REGGIA A MUSEO
Fino al 1° settembre 
C’è la Danae di Tiziano Vecellio, c’è la Crocifissione di Masaccio, c’è il Ritratto di donna Antea di Parmigianino, e poi ancora c’è Ercole al bivio di Annibale Carracci, Atalanta e Ippomene di Guido Reni, la Flagellazione di Caravaggio, Giuditta che decapita Oloferne di Artemisia Gentileschi, il Convitto di Assalone di Mattia Preti, e c’è, a chiusura del percorso temporale che attraversa cinque secoli, il Vesuvius di Andy Warhol. Basterebbero questi titoli per rendere la mostra allestita alla Reggia di Venaria dal 29 marzo al 15 settembre un appuntamento imperdibile. Ma i capolavori arrivati dal Museo e Real Bosco di Capodimonte sono molti di più, ben sessanta. 
INFOlavenaria.it



RI-CONNESSIONI 
Fino al 14 aprile 
La Fondazione Sandretto Re Rebaudengo ospita la mostra Ri-connessioni, che nasce dalla collaborazione tra il Comitato regionale per Diritti i Umani e Civili e la Fondazione stessa. La mostra presenta le opere di Arvin Golrokh (Teheran, 1992), Bahar Heidarzade (Teheran, 1981) e Ahmad Nejad (Lahyjan, 1968), artisti e artiste nati in Iran e residenti a Torino.
È accompagnata da un programma artistico ed educativo, da studio visit, visite laboratorio ed è documentata da una pubblicazione.
INFOwww.fsrr.org

GUERCINO. IL MESTIERE DEL PITTORE 
Fino al 28 luglio 
Guercino, alias Francesco Barbieri (Cento 1591 - Bologna 1666), non giunse mai a Torino, eppure un significativo nucleo delle sue opere, tra dipinti e disegni, è conservato oggi nella Galleria Sabauda e nella Biblioteca Reale. Partendo proprio da questo nucleo, cui si aggiungono oltre 100 capolavori del Maestro Emiliano e di colleghi coevi come Carracci, Reni, e Domenichino, provenienti da collezioni importanti tra cui il Museo del Prado e il Monastero dell’Escorial.
INFOmuseireali.beniculturali.it/mostra-guercino-il-mestiere-del-pittore

AFRIKA NOW 
Fino al 30 giugno 
Afrika Now riapre la stagione delle mostre al del Museo Ettore Fico, chiuso dal 17 dicembre 2023 per il riallestimento. Lo fa con una collettiva aperta fino al 30 giugno che raggruppa il lavoro di cinque artisti (Salifou Lindou, James Mishio, Victor Fotso Nyie, Bouvy Enkobo e Elladj Lincy Delpumeaux) e che ha come focus quello delle nuove generazioni provenienti da Africa e Guadalupa. Le loro ricerche si concentrano soprattutto sulla figura umana: ritratti e autoritratto attraverso cui gli artisti raccontano problemi politici, legami famigliari, presenze sociali, affetti e storie comuni. Fil rouge la comunità nera, che sia nel Grande Continente o che sia altrove, in Europa o negli altri Paesi.
INFOwww.museofico.it  

MYTHOS 
Fino al 7 luglio 
Da Cercero ad Anubi, le oltre 30 creature della mostra Mythos hanno invaso la Ghiacciaia del Mercato Centrale di Porta Palazzo. Fino al 7 luglio le rappresentazioni di miti, divinità e figure leggendarie prendono vita e si trasformano, assumendo forme ibride composte da animali reali, fantastici e anche da parti umane, creando così entità che incarnano le caratteristiche più oscure e ambigue dell'umanità. 
INFOwww.mythoscreaturefantastiche.<wbr></wbr>it 

SHINHANGA. LA NUOVA ONDA DELLE STAMPE GIAPPONESI
Fino al 30 giugno 
Per la prima volta in Italia a Palazzo Barolo apre “Shinhanga. La Nuova Onda delle Stampe Giapponesi".  Una mostra sull’arte degli shinhanga, movimento artistico che all'inizio del XX secolo in Giappone ha rivoluzionato la tradizionale stampa ukiyoe, fondendo elementi classici con la sensibilità modernista. Oltre 80 opere originali di alcuni dei più celebri maestri shinhanga, tra cui Itō Shinsui, Kawase Hasui e Hashiguchi Goyō, che ritraendo paesaggi dai colori vibranti e splendide figure femminili hanno saputo catturare l'essenza del paesaggio e dei fermenti del Giappone di quegli anni con quel tocco di nostalgia che accompagna la scomparsa di un mondo minacciato dal progresso. La mostra propone opere provenienti da collezioni private e dalla Japanese Gallery Kensington di Londra. Kimono, fotografie storiche e oggetti d’arredo, completano il percorso fatto di preziose stampe legate al movimento che si è affermato all’inizio della democrazia Taishō (1912-1926) e che è proseguito fino agli anni Quaranta del Novecento. 
INFOwww.shinhanga.it 

LE MERAVIGLIE DELLA SETA E DEL PELTRO 
Fino al 28 gennaio 2025 
Una veste premaman in seta dei primi anni dell’800, un pregevole caracò damascato, il corsetto simbolo della donna rivoluzionaria francese, un abito da sera in taffetas cangiante di inizio ‘900. Sono solo alcuni dei pregevoli abiti e tessuti storici esposti al secondo piano di Palazzo Madama fino al 28 gennaio 2025. 
INFOwww.palazzomadamatorino.it/it

DINOSAURI - TERRA DEI GIGANTI 
Fino al 30 giugno
La sala degli stemmi di Porta Nuova fa un salto indietro nel tempo per tornare nell’era mesozoica: oltre 250 milioni di anni fa quando i dinosauri erano i padroni della Terra.Sono una ventina le riproduzioni a grandezza naturale di questi maestosi animali per la mostra Dinosauri - Terra dei Giganti. Ricostruirti in poliuretano e vetroresina quelli statici, in gommapiuma quelli mobili e dotati di un motore interno. Il percorso vuole raccontare ad adulti e bambini, l’evoluzione dai primi dinosauri erbivori, marini e volatili fino ai carnivori. Affiancati da calchi di veri fossili, si trovano le specie più note che abbiamo imparato a conoscere grazie al Jurassik Park di Steve Spielberg, come il Triceratopo, il Velociraptor e ovviamente, il Tirannosauro Rex.
INFOwww.dinosauriterradeigiganti.it  

ROBERT CAPA, UGO MULAS, MICHELE PELLEGRINO A CAMERA 
Fino al 2 giugno e fino al 14 aprile 
La tragica guerra civile spagnola, momento cruciale della storia del XX secolo, e il rapporto professionale e sentimentale fra Robert Capa e Gerda Taro sono il fulcro della mostra Robert Capa e Gerda Taro: la fotografia, l’amore, la guerra che con oltre centoventi fotografie racconta una stagione intensa di fotografia, guerra e amore. Nella mostra Ugo Mulas / I graffiti di Saul Steinberg a Milano protagonista è la Milano del boom economico e le creazioni del grande illustratore e disegnatore Saul Steinberg immortalate da un giovane Ugo Mulas, mentre lo sguardo poetico sul Piemonte rurale di Michele Pellegrino offre storie di uomini, donne e montagne nella mostra Michele Pellegrino. Fotografie 1967-2023.
INFOwww.camera.to 

ANTONIO LIGABUE
Fino al 26 maggio 
Oltre 90 opere di Antonio Ligabue ne illustrano la vita, la psiche e la storia tormentata nell’esposizione Ligabue, in corso alla Società Promotrice delle Belle Arti di Torino fino al 26 maggio. Un viaggio nell’arte di questo genio visionario sempre in evoluzione, e nella sua appassionata ricerca, con la quale sapeva inventare e rinnovare le sue opere nella loro pressante suggestione emotiva, in una iconografia popolare e raffinata. La mostra è curata da Giovanni Faccenda, si avvale del patrocinio della “Fondazione Augusto Agosta Tota per Antonio Ligabue” ed è prodotta da SM.ART, con la direzione creativa e di produzione di WeAreBeside. La mostra Ligabue, a cura di Giovanni Faccenda, si snoda attraverso 8 sale in un corpus di 71 dipinti, 8 sculture e 13 disegni ed è la prima realizzata con la Fondazione Augusto Agosta Tota per Antonio Ligabue, a quasi un anno dalla scomparsa di Augusto Agosta Tota, che dell’artista fu amico, promotore e studioso.
INFO: mostraligabuetorino.com

LE OSSA DELLA TERRA 
Fino al 13 ottobre 
Dal 26 gennaio 2024 il Museo Nazionale della Montagna di Torino invita a scoprire il legame di Primo Levi con le terre alte attraverso la mostra Le ossa della terra, un progetto ideato e prodotto dal Museo, sviluppato in collaborazione con il Centro Internazionale di Studi “Primo Levi” di Torino e curato da Guido Vaglio con Roberta Mori. Un percorso espositivo articolato attorno alle parole di Levi, ma anche a fotografie storiche, oggetti, documenti, volumi ed estratti video provenienti da archivi pubblici e privati, oltre che dai familiari dello scrittore e dal Museo. Una mostra per scoprire il legame poco conosciuto di Primo Levi con la montagna, nato negli anni dell’adolescenza e tragicamente legato al destino dello scrittore.
INFOwww.museomontagna.org

EDOARDO SANGUINETI
Fino al 30 aprile
Alle Sezioni Riunite dell’Archivio di Stato di Torino si svolge la mostra Edoardo Sanguineti nella città “cruciverba”.  L’esposizione attingerà principalmente ai fondi del Centro Studi Interuniversitario Edoardo Sanguineti, con i quali interagiranno alcune schede lessicografiche selezionate provenienti dal Fondo esempi letterari (scarti e giunte) del Grande Dizionario della Lingua Italiana, al quale Sanguineti partecipò, grazie alla fondamentale mediazione dell’amico Tullio De Mauro, in veste di direttore dei Supplementi. Sarà possibile ammirare per la prima volta due recentissimi ritrovamenti, che risalgono agli albori della carriera del Sanguineti poeta: il manoscritto di Composizione, la raccolta sottoposta nel febbraio 1950 a Cesare Pavese, che la rifiutò, due redazioni di Laszo Varga e il manoscritto finale di Laborintus, la fondamentale opera d’esordio di Sanguineti, nella redazione in cui il titolo era ancora Laberintus.
INFOwww.centrosanguineti.unito.it/it

 

LA PRIMA MONNA LISA
Fino al 26 maggio
Si tratta de La Monna Lisa di Isleworth, un'opera che secondo gli esperti il Maestro di Vinci dipinse prima della sua gemella conservata al Louvre. Isleworth è la città inglese in cui visse il mercante che l'acquistò nel 1914 da un collezionista privato inglese. La "prima Monna Lisa" era stata per la prima volta presentata nel 2012 dopo essere stata sottoposta a oltre trentacinque anni di studi.
INFOmostraprimamonnalisa.com

Daniele Angi e Chiara Gallo

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A MAGGIO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium