/ Eventi

Eventi | 20 maggio 2021, 09:34

Al Café Müller Dorian Gray si riflette nello specchio con il volto di Antonio Fazio

Per "Solo in teatro", spettacolo-omaggio al mito letterario creato da Oscar Wilde, sabato 22 maggio alle 20.45 dal vivo e in streaming

Antonio Fazio

Antonio Fazio porta in scena "Dorian Gray" al Café Müller di Torino

Un quadro come specchio dell’anima, la paura di invecchiare, l’ossessione per la bellezza e la giovinezza, l’accettazione della corruzione come mezzo per ottenere ciò che si desidera di più. Nessun altro personaggio nella storia letteraria ha incarnato l’edonismo quanto Dorian Gray, protagonista del romanzo Il ritratto di Dorian Gray di Oscar Wilde, cui darà corpo e voce con il suo monologo Antonio Fazio, attore e regista 34enne. Lo spettacolo, che fa parte della stagione Solo in Teatro, diretta e ideata da Caterina Mochi Sismondi e prodotta da Fondazione Cirko Vertigo, sarà visibile il 22 maggio sia presso il teatro Café Müller di Torino alle ore 20:45 per un ristretto numero di spettatori.

L’idea di mettere in scena lo spettacolo Dorian Gray nasce nel 2012 quando Antonio Fazio realizza un reading teatrale dal titolo Verso i sentieri della bellezza, un percorso che riuniva opere meravigliose della letteratura quali Il ritratto di Dorian Gray di Wilde, I Sonetti di Shakespeare e Nanà di Zola. Tutte opere accomunate dal culto della bellezza esteriore che, in quanto effimera, si rivela sempre un'arma a doppio taglio. Il monologo che Antonio Fazio porta in scena è tratto dall'ultimo capitolo del romanzo, nel quale il protagonista arriva a uccidere se stesso, colpendo il quadro che lo ritrae.

“Lo spettacolo si articolerà in tre momenti – racconta l’attore –. Il primo sarà costituito dal monologo di Lord Henry, che avrà la voce di Massimiliano Varrese; il secondo verterà su una canzone tratta dal musical di Dorian Gray cantata da me in scena e che racconta il momento nel quale Dorian Gray vede il suo ritratto per la prima volta e stringe il patto con il diavolo. Gli arrangiamenti del brano sono stati fatti da PJ  Bassman, Manuel Cardella e Massimo Facchini. La terza sezione è il monologo finale nel quale il protagonista arriva a togliersi la vita”.

Il quadro che ritrae Dorian Gray riflette la sua coscienza e il suo vero sé e funge da specchio della sua anima. La paura che Dorian esprime quando osserva il dipinto e le emozioni cui cerca di sfuggire attraverso il peccato, la tossicodipendenza e persino l'omicidio, potrebbe essere considerata un'espressione della sua rabbia nel porre gli occhi sul suo vero sé. L'idea del riflesso richiama anche una grande influenza mitica sul romanzo: la storia di Narciso. Dorian, come Narciso, si innamora della propria immagine e viene distrutto da essa. “Dorian Gray è per me un personaggio estremamente affascinante, per l’epoca molto trasgressivo – aggiunge Antonio Fazio -. Credo che in qualche modo il suo personaggio parli di tutti noi: chi vuole invecchiare, chi non vorrebbe rimanere giovane e bello per sempre? Trovo il testo di Wilde molto moderno e per questo non c’è bisogno di trovare nessun escamotage per attualizzarlo, è già moderno, al punto che potrebbe facilmente essere uno dei personaggi che si vedono nei reality in tv”.

Antonio è felice di tornare a esibirsi con il pubblico in sala, perché “l’attore emoziona ma grazie al pubblico si emoziona a sua volta”. Tuttavia, ritiene con l’online sia “una meravigliosa opportunità, mi potranno guardare amici lontani e tutti coloro che vorranno sapere qualcosa di più di Dorian Gray”.

Redazione

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium