/ Sanità

Sanità | 08 giugno 2021, 17:03

Aborto, l'affondo di Marrone (FdI): "La cultura della morte in Piemonte è ormai sconfitta". Grimaldi: "Parole inammissibili"

Il capogruppo di LuV aveva attaccato la decisione della Regione di accreditare gli antiabortisti presso i consultori. "L'opposizione intimidisce e offende le associazioni Pro vita", gli ha risposto l'assessore regionale

Aborto, l'affondo di Marrone (FdI): "La cultura della morte in Piemonte è ormai sconfitta". Grimaldi: "Parole inammissibili"

L'Asl di Torino autorizza l'accreditamento di tre associazioni antiabortiste presso i Consultori, autorizzandole a svolgere "attività di Volontariato nel settore della tutela maternoinfantile". Si tratta del Centro Aiuto alla Vita Mirafiori Nord Torino O.D.V.", del "Movimento per la Vita di Torino O.D.V." e della "Promozione Vita O.D.V.

La notizia ha subito scatenato la polemica. Marco Grimaldi (LuV) ha spiegato: "Questo è l'esito del bando scellerato voluto da Marrone. E' come se in piena campagna vaccinale la Regione accreditasse i comitati no vax a operare al Valentino durante gli open day".

"Io spero - ha aggiunto Grimaldi - che il Presidente Cirio abbia un sussulto di coscienza e decida di riscrivere immediatamente quel bando e allontanare questi fanatici dai luoghi in cui la libertà delle donne deve essere garantita e tutelata. Anni di lotte e di avanzamento nei diritti delle donne non saranno gettati al vento con un trucco meschino".

Al capogruppo di LuV in Regione ha risposto proprio l'assessore Maurizio Marrone: "L’unico vero fanatismo in questa vicenda è l’accanimento politico al limite dell’intimidazione, con cui Grimaldi e la sinistra terminale che rappresenta attaccano le associazioni di volontariato che aiuteranno le donne in gravidanza negli ospedali in rete con i consultori. Invece grazie ai volontari e ai loro progetti ci sarà vera libertà di scelta, che potrà anche vertere sulla vita, con il superamento delle difficoltà economiche e sociali che spesso determinano la decisione di abortire".

"E' inutile che Grimaldi perda tempo a passare ai raggi x le organizzazioni accreditate dalle ASL perché il bando regionale prevedeva criteri di serietà ed esperienza in difesa delle donne e dei loro bambini: offende solo la professionalità degli uffici del welfare e della sanità piemontesi. La cultura della morte in Piemonte ormai è sconfitta, trovando sostenitori solo nei partitini scissi fino all’atomo della sinistra radicale, se ne facciano una ragione".

"Pensare di far entrare nei consultori piemontesi associazioni che dichiarano che l'aborto è la prima causa di femminicidio è di per sé inconcepibile, ma che Marrone, diventato ormai da tempo assessore, dal ruolo che ricopre chiami il diritto alla libera scelta delle donne 'cultura della morte' è inammissibile", ha poi risposto ancora Grimaldi. "Bisogna avere ben chiaro che dietro i volti rassicuranti di Cirio e Damilano si cela questa destra e non ha nessuna remora a esprimere la sua identità più reazionaria, come ha fatto settimane fa davanti al Valdese in spregio al diritto di ogni donna di scegliere cosa sia meglio per sè".

Daniele Angi

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium