/ Economia e lavoro

Economia e lavoro | 11 luglio 2019, 07:00

Il movimento italiano contro il Green Pass ha una nuova figura di spicco

Da questa settimana, tutti i lavoratori in Italia devono esibire il Green Pass per poter accedere a qualsiasi luogo pubblico.

Il movimento italiano contro il Green Pass ha una nuova figura di spicco

Da questa settimana, tutti i lavoratori in Italia devono esibire il Green Pass per poter accedere a qualsiasi luogo pubblico. Un “pass verde” mostra che sei stato vaccinato, testato negativo o guarito dal COVID-19 e chiunque non abbia un pass potrebbe essere sospeso dal lavoro e multato.

Perché questo accanimento?

Ma perché l'amministrazione Mario Draghi limita in questo modo le libertà pubbliche fondamentali quando il tasso di vaccinazione italiano è uno dei più alti al mondo? È a dir poco sbalorditivo. Ad esempio, abbiamo un tasso di vaccinazione più alto rispetto al Regno Unito, sebbene le restrizioni siano state quasi revocate. Sì, il COVID è pericoloso, ma è pericolosa anche questa ingiustificata perdita di libertà perché gli italiani sono arrabbiati e scendono sempre più in piazza.

Prendiamo la protesta di qualche settimana fa in piazza San Giovanni in Laterano, la piazza tradizionalmente utilizzata per le manifestazioni sindacali. La folla proveniva da ogni settore della società e la manifestazione è stata estremamente numerosa anche se non è stata organizzata da un sindacato o da un partito politico. La Repubblica ha riferito che la polizia ha affermato che erano solo 3.000 persone, ma in realtà erano circa 80 mila. Forse la paura di schierarsi con gli anti-vaccinisti? I giornali italiani dipingono i manifestanti come una sorta di irragionevole frangia lunatica, anche se secondo l’esperienza sono pacifici e ben informati.

Quel giorno in piazza San Giovanni, sul palco si presentò una giovane donna determinata. Era un agente di polizia, ma ha detto che era venuta a parlare come un privato cittadino. “Quando sono diventato un ufficiale di polizia ho giurato di difendere la costituzione. Non posso tacere quando la costituzione viene fatta a pezzi. Queste misure di green pass discriminano i miei connazionali”. Il suo discorso ha elettrizzato la folla, che l'ha interrotta ripetutamente con scoppi di applausi. Nunzia Alessandra Schilirò divenne, in quel momento, il leader di cui avevano bisogno i manifestanti.

Schilirò è stata “fatta fuori”

Ma appena 18 ore dopo il suo discorso, il ministro dell'Interno, Luciana Lamorgese, ha rilasciato una dichiarazione dicendo che si stava consultando con il capo della polizia italiana su come punire quello che lei ha definito un grave atto di insubordinazione, manco fosse scesa in piazza ad incitare il popolo a giocare d’azzardo su casino.netbet.it/. Ciò ha avuto l'effetto prevedibile di aumentare ancora di più la popolarità della Schilirò, e ora è il volto riconosciuto delle proteste per il green pass, con grande rabbia del governo.

Alla Schilirò è stato chiesto se fosse sorpresa della reazione del governo al suo discorso. "Sapevo che avrei messo a rischio la mia carriera, ma non potevo immaginare che avrebbero mai minacciato di perseguirmi con l'articolo 415 del codice penale per incitamento alla disobbedienza civile", ha detto. “Ma ancora non ho rimpianti... È stata la cosa giusta da fare... Sto ricevendo centinaia di messaggi di sostegno da singoli membri delle forze di polizia e anche dall'esercito”.

La stella di Schilirò sta per sorgere

E' stata nominata capo del sindacato di polizia Cosap e presto prenderà parte a un'altra manifestazione. "Ora c'è un'atmosfera pre-golpe", afferma Ugo Mattei, professore di diritto civile e uno dei principali promotori di una campagna per revocare le misure del green pass. “Ci sono segnali di fibrillazione nella società, tra la polizia e le forze armate. La costituzione è tesa oltre i suoi limiti”.

Nel corso di un'audizione al Senato il 7 ottobre, il filosofo Giorgio Agamben ha ripetutamente pregato i membri di riflettere attentamente prima di votare il nuovo decreto. "È una misura politica e non sanitaria", ha avvertito. “La maggior parte dice che il green pass è solo un modo gentile per indurre le persone a vaccinarsi. Invece direi il contrario. Il vaccino è un pretesto per obbligare i cittadini ad avere questo pass verde con QR code e per instaurare un sistema di controllo sociale sempre più pervasivo tipico dei regimi totalitari”.

Non è che gli italiani non capiscano la gravità del COVID

Tuttavia, fanno fatica a capire perché l'Italia debba essere così draconiana quando altri paesi europei stanno rinunciando alle restrizioni. Guardano la Danimarca e la Norvegia o la Croazia attraverso l'Adriatico, dove il presidente ha deciso di revocare le restrizioni dopo che solo il 50 percento della popolazione è stata vaccinata. Nella vicina Slovenia la corte costituzionale ha bandito una legge simile a quella italiana.

Lo scorso fine settimana si sono svolte altre manifestazioni in tutta Italia. In Piazza del Popolo, nel centro di Roma, erano presenti almeno 60.000 persone e alcune sono riuscite ad arrivare fino a Palazzo Chigi, sede del governo, scandendo slogan proprio sotto il balcone dell'ufficio di Draghi. La polizia è stata colta alla sprovvista e ha dovuto ricorrere alla violenza per scacciare la folla e ristabilire l'ordine nel centro della capitale. Ho visto alcuni manifestanti sanguinare.

Una frangia di manifestanti più violenti ha approfittato della situazione e ha preso d'assalto la sede della Cgil, la principale organizzazione sindacale italiana. Il giorno successivo la maggior parte dei media ha semplicemente riportato questo episodio marginale che ha coinvolto alcune centinaia di teppisti di estrema destra e ha completamente ignorato le preoccupazioni delle migliaia di altri manifestanti.

Intanto gli operai del porto di Trieste minacciano di far calare gli attrezzi per chiudere e interrompere i rifornimenti. Studenti e professori universitari si stanno mobilitando nei campus, organizzando lezioni all'aperto per chi non ha il green pass che non può entrare in casa. Diverse associazioni di settore temono il caos nelle filiere e nelle fabbriche.

Uno dei problemi principali è che le farmacie e gli ospedali non saranno in grado di far fronte all'enorme aumento previsto delle richieste di test. E nonostante la minaccia della nuova legge, lo zoccolo duro di circa il 20% della popolazione che non è ancora vaccinato probabilmente rimarrà tale. Come ha detto un operaio portuale di Trieste: “È umiliante. Non siamo bestiame. Non ci piegheremo a questo tipo di ricatto”.

Richy Garino

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium