/ Politica

Politica | 02 febbraio 2024, 17:37

Il PD di Piemonte, Liguria, Lombardia e Val d'Aosta insieme per battere il centrodestra: "No al modello sanitario di Fontana"

I vertici del partito delle regioni del nord ovest si sono incontrati per avviare una discussione comune su sanità, infrastrutture, economia e ambiente: "Vogliamo connettere un territorio già interdipendente"

Il PD di Piemonte, Liguria, Lombardia e Valle d'Aosta insieme per battere il centrodestra

Il PD di Piemonte, Liguria, Lombardia e Valle d'Aosta insieme per battere il centrodestra

Il Pd vuole collaborare nelle regioni del nord-ovest per ragionare insieme su alcuni temi comuni e offrire un'alternativa alla destra. Segretari regionali e capigruppo di Piemonte, Valle d'Aosta, Liguria e Lombardia si sono incontrati questa mattina al Palazzo Lascaris di Torino per avviare il progetto comune. Il tema principale è stato ovviamente la sanità, a seguire infrastrutture e trasporti, sviluppo economico e transizione ecologica, tutti temi principali nelle politiche delle Regioni.

 

Gallo: "La sanità al centro"

"Abbiamo discusso di sanità - ha commentato Raffaele Gallo, capogruppo PD nel Consiglio Regionale del Piemonte - guardando al modello lombardo: in questi anni abbiamo lottato per non finire in quella direzione e rendere il modello sanitario sbagliato, noi pensiamo che la sanità pubblica debba essere il caposaldo e lavorare in maniera complementare col privato che non deve essere sostitutivo. Abbiamo discusso di infrastrutture e trasporti, delle grandi possibilità che offrono quelle che stanno costruendo nel nord ovest. Abbiamo parlato delle grandi sfide dello sviluppo, a partire dall'intelligenza artificiale che riusciremo a vincere se insieme come macroregione e non singolarmente".

 

"No al modello Fontana in Lombardia"

"Porto i dati di Fontana - ha aggiunto Pierfrancesco Majorino, capogruppo PD in Consiglio Regionale della Lombardia - Quattro anni fa, 1 lombardo su 20 rinunciava alle cure per la tenaglia delle liste di attesa, oggi sono 1 su 9. Abbiamo poi 19mila case vuote totalmente inutilizzate mentre ci sono migliaia di persone senza casa. Le case di comunità sono una straordinaria opportunità per cui ci stiamo battendo in Europa e che non vengono utilizzate al momento su territorio lombardo".

 

"Risolvere la questione trafori"

Sul tema delle infrastrutture e dell'ambiente si è espresso Luca Tonino, segretario regionale PD della Valle d'Aosta, regione chiave per quanto riguarda i trafori e l'energia verde. "Sulla viabilità - ha detto - i nostri due trafori nazionali stanno subendo delle criticità e anche coi problemi sulla A5, causati dal mancato dialogo col Ministero dei trasporti, rischiamo di essere una regione difficilmente raggiungibile, quando prima eravamo il corridoio tra Italia e Francia. Dobbiamo guardare alle questioni ambientali, non possiamo più pensare che le risorse siano illimitate: abbiamo problemi con la siccità che influisce sulla produzione di energia idroelettrica che produciamo senza produrre un grammo di CO2".

"Il ragionamento che abbiamo provato a fare è quello di connettere un territorio che è interdipendente - ha dichiarato il capogruppo PD in Consiglio regionale della Liguria Luca Garibaldi - Vogliamo provare a costruire il messaggio che il futuro di questo territorio passa dal dialogo tra queste ragioni".

Domenico Rossi: "Basta politiche sbagliate"

"Abbiamo visto come i problemi che i cittadini si prestano a vivere sono frutto di politiche sbagliate - ha concluso il segretario regionale del Piemonte Domenico Rossi - e le soluzioni a questi problemi sono sempre meno locali e sempre più condivisi. C'è il tema del trend demografico e sappiamo che nei prossimi 15-20 anni le politiche dovranno essere riviste pensando che la popolazione invecchia, ci sarà meno forza lavoro e più bisogno di medici e infermieri".

Le elezioni regionali però si avvicinano e in Piemonte il PD non ha ancora trovato l'alleanza con il Movimento 5 Stelle, necessaria per pensare di poter infastidire la coalizione di centrodestra. "Oggi non abbiamo parlato né di candidature né di scenari interni alle elezioni piemontesi, non era questo il luogo - ha tagliato corto Rossi - ma per quanto riguarda i temi abbiamo parlato di come portare più a sud l'attenzione dell'Unione Europea che a volte sembra guardare da altre parti".

Francesco Capuano

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A FEBBRAIO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium