/ Economia e lavoro

Economia e lavoro | 16 maggio 2024, 08:30

Conto alla rovescia per il via di Gru Food Festival

Dal 22 al 26 maggio a Grugliasco un nuovissimo appuntamento dedicato al mondo del cibo

Conto alla rovescia per il via di Gru Food Festival

Conto alla rovescia per il via di Gru Food Festival

Che sapore avrà il futuro, ci farà storcere la bocca insoddisfatti o ci farà leccare i baffi per nuovi sapori? E quali sono i gusto e le tradizioni culinarie del mondo più popolari sulle nostre tavole?
Le Gru, dal 22 al 26 maggio, un nuovissimo appuntamento intitolato GRU FOOD FESTIVAL, Cibo dal Mondo, Cibo dal Futuro, Cultura del Cibo per esplorare il panorama gastronomico attraverso diverse iniziative, testimonianze e temi. Dal cibo del futuro, ai sapori che uniscono tradizioni di popoli e culture lontane, dalle ultime scoperte e innovazioni alla corretta alimentazione e al gluten free.
 
Dopo aver messo al centro dell’attenzione l’inclusione di genere in occasione della festa della donna e aver festeggiato una Pasqua ecosostenibile, a Le Gru nasce un nuovo format che è un vero e proprio percorso nella cultura del cibo. Con leggerezza, ma con attenzione alla sostenibilità, all’alimentazione e ai corretti stili di vita, nell’area esterna coperta al primo piano del mall di Grugliasco, GRU FOOD FESTIVAL è un’occasione da non perdere per un vero e proprio viaggio gastronomico suddiviso in un’area expo, un’area eventi e un’area food con ingresso sempre gratuito.
 
Tra trent’anni anni, forse, metteremo in tavola un piatto a base di grilli e locuste, oppure cibo "nato" in laboratorio o assemblato da una stampante 3D. Di formiche, bruchi e affini si parla moltissimo così come di cibi coltivati in laboratorio, ma in pochissimi hanno avuto occasione di capire davvero di che cosa si parla.  Invece sulla nostra tavola sono protagoniste, oltre ai prodotti della tradizione, le tradizioni culinarie che arrivano da tutto il mondo e fra cous cous, sushi e sashimi, kebab, paella, fajitas e guacamole, involtini primavera e noodles abbiamo inserito nella nostra alimentazione tantissimi piatti che vengono da lontano. Questo e molto altro si potrà scoprire nell’AREA EXPO. Sarà possibile visitare i corner di alcune delle aziende più innovative del settore del food and beverage, produttori della tradizione e dal mondo che alternandosi nei giorni dell’evento mostreranno, racconteranno, faranno toccare e sperimentare, e alcuni venderanno prodotti.
Fra gli espositori e ospiti: ENTONOTE un foodlab che crea eventi ed esperienze con i tabù alimentari, primo tra tutti l’insetto commestibile, con il format #Entoexperience, un percorso di avvicinamento all’insetto nel piatto, sabato faranno una presentazione del loro progetto e distribuiranno sacchettini di grilli. Anche SMALL GIANTS propone gli insetti come cibo del futuro e sarà presente con campionature di prodotto per entrare finalmente in contatto diretto con uno dei “nuovi” alimenti di cui si parla di più. TIBI è un soft drink fermentato a base di kefir d'acqua, una bevanda sana e naturalmente effervescente, prodotta da una start-up torinese. ZEROALCOL 0.0% alcol, 100% wellness, 100% fitness, gluten free”, ovvero l’unica azienda italiana specializzata solo in dealcolati e analcolici con un assortimento selezionato di prodotti nazionali ed esteri. LA BAVETTA, allevamento elicicolo a Ostiglia, nella verde provincia di Mantova, dove la tradizione agricola è di casa e sperimentare una carne magra, sana e proteica. BAZAR BENI MELLAL: proprio come in un suk marocchino, l’occasione per incontrare e assaggiare spezie, the, cous cous. Il progetto della STRADA DELL’OLIO E DEL VINO DEL MONTALBANO – LE COLLINE DI LEONARDO propone i più genuini prodotti della tradizione toscana, salumi, formaggi, olio, vino, brigidini. MOSSO è un’azienda vitivinicola a conduzione familiare alla quarta generazione, estesa su 10 ettari di vigneto tra i comuni di Moncucco torinese e Castelnuovo don Bosco e port a Le Gru una selezione di albugnano (nebbiolo), barbera, freisa, malvasia, bonarda, dolcetto e chardonnay. CIOCCOLATO CHIAMBRETTO 1910 è una azienda artigianale, con sede a Torino che utilizza esclusivamente materie prime rare e pregiate.

Sarà poi possibile visitare un vero e proprio percorso visivo per attraversare la storia dell’alimentazione passando dal presente e con una proiezione verso il futuro. I bambini potranno approcciare il mondo del cibo con i kids food lab: laboratori creativi con playmais, un gioco naturale biodegradabile al 100%, composto da semola di mais e acqua, colorato con colori alimentari che permetterà ai bimbi di dare sfogo alla propria creatività nel riprodurre opere artistiche, attraverso l’utilizzo di materiali ecologici.
 
GRU FOOD FESTIVAL propone anche un ricco programma di appuntamenti nell’AREA EVENTI.
Venerdì 24 dalle 18 alle 21 ospiterà l’evento COCKTAIL DEL FUTURO, APERITIVO a ingresso libero: sarà possibile scoprire tre cocktail del futuro e gli speciali cocktail solidi realizzati da bartender professionisti, sul sottofondo musicale di DJ Giorgio Valletta Giorgio, nome cult del mondo musicale torinese, co-fondatore della storica club night Xplosiva e del festival Club To Club ha suonato nei maggiori club e festival di musica elettronica italiani e internazionali, dal Sonar di Barcellona a Londra, Ibiza, Tokyo, Istanbul e Berlino. Il suo stile musicale attinge a disco, house, techno, r&b, nuovi ritmi ibridi ed elettronici ed è fortemente legato alla contemporaneità anche negli aspetti più pop.
 
Sabato e domenica sarà possibile mettersi direttamente in gioco partecipando a sei MASTERCLASS di cucina dal mondo. Sabato 25 dalle 14 alle 14.45, dalle 15 alle 15.45, dalle 16 alle 16.45 si potranno cucinare i Piatti della tradizione rumena con la chef Virginia Moldovan, mentre domenica 26 maggio negli stessi orari la chef marocchina Raja Bouanane accompagna in un percorso intitolato Cous cous mon amour.
 
Il programma si conclude con due imperdibili SHOW COOKING.
Sabato 25 maggio alle 18.30 Valentina Leporati, ovvero VALENTINA GLUTEN FREE, una delle influencer a tema food più seguite in Italia, proporrà una ricetta gluten free per dimostrare che anche per i celiaci si possono cucinare piatti gustosi e buoni da condividere con tutti. Diagnosticata celiaca a soli 17 mesi Valentina ha molto sofferto per le restrizioni e la “diversità” imposte dalla sua malattia. A 18 anni ha deciso di trasformare quello che fino a quel momento aveva vissuto come un limite nel sogno di lavorare nel mondo della gastronomia: lavapiatti, cameriera, aiuto cuoca. Ma cucinava principalmente piatti che non aveva modo di assaggiare e solo a casa si cimentava provando a ricreare le stesse ricette in versione gluten free. Nel 2017 ha aperto il suo panificio/pasticceria «Valentina Gluten Free» diventando, anche sui social, paladina di sensibilizzazione e inclusione sul tema della celiachia e per una cucina più inclusiva che possa così essere cucita su misura delle esigenze di ciascuno di noi.

Domenica 26 maggio, alla stessa ora, sarà la volta di CHEF HIRO, l’Ambasciatore della cucina giapponese in Italia, docente, autore e ospite d’eccezione di Radio Dee Jay, ad accompagnare il pubblico nella preparazione di un piatto della tradizione culinaria nipponica. Hirohiko Shoda, detto Hiro, ha studiato la cucina italiana fin da adolescente; dopo gli studi presso lo Tsuji Culinary Institute, la più prestigiosa Accademia di Cucina in Giappone, lavora a Osaka nell'alta ristorazione di cucina italiana come capo chef di numerosi locali, per poi trasferirsi nel 2006 in Italia dove collabora per circa 8 anni con lo chef Massimiliano Alajmo de Le Calandre di Padova, ristorante tre stelle Michelin. Oggi insegna in varie scuole di cucine e crea contenuti molto apprezzati sui principali social network, dove conta migliaia di affezionati followers. I piatti dello chef sono un viaggio, semplici e autentici, e realizzati con ingredienti di stagione, il risultato di esperienza e creatività, unione di tanti ricordi, ispirazioni, conoscenze, tanto studio e tanto duro lavoro.

Come tutti gli appuntamenti di GRU FOOD FESTIVAL la partecipazione a masterclass e show cooking è gratuita, ma i posti sono limitati: è necessaria la prenotazione presso il Box Info del Centro o via mail a boxinfo@legru.it.
A completamento del festival, non può mancare il AREA CON IL CIBO DA MANGIARE, meglio ancora se proveniente da tutto il monto: nell’arena esterna, accanto all’area expo e all’area eventi, fra il 23 e il 26 maggio fino alle 23, Le Gru Food Festival ospita diversi foodtruck per chi vorrà sperimentare una pausa pranzo, una merenda, uno spuntino o una cena golosa e inconsueta. Saranno presenti COUS COUS CLAN, il primo food truck di cucina marocchina in Italia, gli HAMBURGER DI SPRINGFIELD con hamburger gourmet ispirati ai personaggi iconici dei Simpsons. IL SAZIATORE MESSICANO porta un pezzo di Messico offrendo un'esplosione di sapori autentici e deliziosi. SORALAMÀ è una birra artigianale nata nel 1999 in Val Chiavenna, per arrivare in Val Susa nel 2004: negli ultimi vent’anni ha saputo proporre prodotti unici, preparati con l’acqua della Val Susa, che di anno in anno raccolgono premi in Italia e nel mondo. Saranno presenti anche un truck di CUCINA INDIANA con la particolarità di essere completamente gluten free, PUGLIA IN TAVOLA per chi non sa resistere alle golosissime bombette nocesi e RUZZO POP con delizie abruzzesi.

comunicato stampa

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A GIUGNO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium