/ Attualità

Attualità | 20 maggio 2023, 09:41

Maltempo, danni molto limitati nel torinese. Fiumi ingrossati ma ancora nei limiti di guardia

Qualche albero caduto, due famiglie evacuata a Perosa Argentina. La pioggia destinata a continuare per tutta la giornata, ma al momento nessuna allerta particolare a Moncalieri e lungo i principali corsi d'acqua

foto di archivio

Maltempo, danni limitati. Fiumi ingrossati ma ancora nei limiti di guardia (foto d'archivio)

La notte appena trascorsa, iniziata tra grandi timori dopo che Arpa Piemonte nel pomeriggio di ieri aveva innalzato ad arancione il livello di allerta per il maltempo in diverse aree del Piemonte, è passata senza che si siano registrati particolari danni, nonostante la pioggia sia caduta incessantemente.

Nella notte, a Strambino, alcuni alberi sono caduti su un’auto parcheggiata, mentre un albero è finito sulla carreggiata lungo la provinciale che collega Front con Ceretti. Due famiglie sono state evacuate a causa del maltempo a Perosa Argentina, dove per precauzione è stata sgomberata la borgata Robert, mentre è stato allagato un demolitore di auto per l'esondazione del Chisola, tra Airasca e None. Per precauzione, sono stati chiusi i Murazzi a Torino, con la Protezione civile che monitora costantemente la situazione.

Corsi d'acqua ingrossati e neve in montagna

Nelle ultime 12 ore sono state registrate precipitazioni cumulate di circa 30-40 mm sulle fasce pedemontane di Biellese, Torinese e Cuneese con picchi di 60,6 mm ad Andrate Pinalba (TO), 52,4 mm a Barge (CN) e 48 mm a Camparient (BI). Si è registrato un graduale ma modesto innalzamento dei livelli idrometrici, i valori maggiori sono stati registrati per il Corsaglia a Frabosa Sottana, per l’Ellero a Mondovì e per il Pesio a Carrù. ma non per quanto riguarda la provincia di Torino. Ed anche i livelli dei corsi d’acqua principali mostrano al momento incrementi apprezzabili ma ancora lontani dall'allerta.

Durante la notte, attorno ai 1800-1900 metri di quota, le precipitazioni hanno avuto anche carattere nevoso, mentre nelle prossime ore sono attesi innalzamenti di fiumi e corsi d'acqua, con isolate possibilità di superare i livelli di guardia nella seconda parte della giornata. Per il pomeriggio di oggi Arpa Piemonte prevede che si possano verificare isolati di frane superficiali nelle aree montane e pedemontane alpine del Torinese e del Cuneese, nonché nelle aree collinari della nostra provincia. Ma, almeno per ora, non si prevedono criticità o rischi particolari.

Pioggia destinata a cadere per tutta la giornata

Su larga parte del Torinese l'allerta è ancora gialla, a differenza della provincia di Cuneo, con Moncalieri (memore dell'alluvione del novembre 2016) che sta vivendo ore di ansia, anche se per fortuna ad ora la situazione appare sotto controllo. "Alle 8 di questa mattina il livello dei fiumi che attraversano la città risultano ancora sotto i limiti di guardia e pericolo", ha dichiarato il sindaco Paolo Montagna.

Nessuna allerta particolare a Moncalieri e lungo i fiumi

Il Po è arrivato a superare i 2,30 metri (ma la soglia di pericolo è di 6,20 metri), il Sangone è salito a quota 0,66 metri (soglia di pericolo a 2,20), mentre il torrente Chisola è arrivato a 1,38 metri (soglia di pericolo a 3,5). "La circolazione si segnala regolare su tutto il territorio, ma ovviamente si consigliano attenzione e prudenza negli spostamenti", ha aggiunto il sindaco di Moncalieri.

"Il nostro lavoro di presidio, che è andato avanti tutta la notta, continua e continuerà anche nelle prossime ore". La situazione anche a Nichelino è monitorata da vicino, specie nelle zone più a rischio, ma risulta ovunque sotto controllo.

Aggiornamento delle ore 10

La Sala operativa della Protezione civile della Regione è pienamente operativa e che per monitorare l’evoluzione del maltempo su tutto il territorio sono attivi 60 Centri operativi comunali (Coc): 34 in provincia di Cuneo, 24 in provincia di Torino, 1 in provincia di Asti e 1 in provincia di Alessandria.

Per prevenire situazioni di pericolo, 130 volontari sono stati attivati dai Centri operativi misti di Nichelino e Pinerolo. Chiusa la strada provinciale della Val Clarea, in provincia di Torino, e continuano le chiusure preventive (svincoli, entrate ed uscite) su alcuni tratti dell’autostrada Torino-Piacenza.

Il presidente Alberto Cirio e l’assessore alla Protezione civile Marco Gabusi invitano nuovamente i cittadini a non intraprendere viaggi se non strettamente necessari e ricordano che tutti i Comuni sono allertati e pronti ad agire.

redazione

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A GIUGNO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium